,,

Incidente Porto Marghera, operaio sbatte la testa e muore: Alessandro Zabeo aveva 34 anni, indagini in corso

Un operaio di 34 anni è morto a Porto Marghera (Venezia): è caduto e, sbattuta la testa, è entrato in coma senza più svegliarsi. Indagini in corso

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Tragedia a Porto Marghera, in provincia di Venezia. Alessandro Zabeo, un operaio di 34 anni addetto al rizzaggio, lunedì 23 maggio è caduto da un castelletto di circa tre metri, all’interno di una nave nel terminal gestito da Vecon. Dopo aver battuto la testa è finito in coma: è morto in serata, indagini in corso per capire le cause dell’incidente.

Indagini in corso, le possibili cause della caduta

Le indagini sull’incidente sono in corso, l’obiettivo è stabilire le circostanze che hanno causato la caduta.

Tra le ipotesi persistono quella di un malore o del fatto che l’operaio si sia sporto troppo dai percorsi protetti previsti.

Sul posto, dopo l’incidente, sono arrivati i sanitari che hanno stabilizzato l’infortunato, per portarlo poi in ospedale: dopo la caduta, infatti, non è morto ma è entrato in coma.

La nota dell’Autorità portuale

Prima del decesso, il presidente dell’Autorità portuale dell’Adriatico settentrionale, Fulvio Lino Di Blasio, ha rilasciato una nota in riferimento all’incidente.

“Attendiamo di capire gli esiti delle attività ispettive ancora in corso – ha premesso – per poi avviare un serio confronto con i terminal e con le rappresentanze sindacali nonché con la Nuova Compagnia di Lavoro Portuale per definire azioni concrete, che abbiamo previsto, per presidiare ulteriormente la sicurezza in porto. Assicuriamo alle autorità competenti la massima collaborazione e attendiamo, con apprensione, di conoscere l’evolversi della situazione clinica del lavoratore attorno al quale ci stringiamo esprimendo tutta la nostra vicinanza”.

porto marghera operaioFonte foto: Virgilio Notizie

La morte in serata

Purtroppo, però, Alessandro Zabeo è morto in serata, all’ospedale All’Angelo di Mestre.

La notizia è stata confermata dai sindacati portuali veneziani, che hanno poi organizzato un presidio davanti alla sede della Nuova Compagnia Lavoratori Portuali.

Alessandro Zabeo era un operaio addetto al rizzaggio, ossia a quell’insieme di operazioni finalizzate a legare solidalmente con rizze (ed in modo adeguato) un oggetto allo scafo di una unità navale in modo che resti ben fisso durante i movimenti della nave (per esempio vagoni ferroviari).

porto-marghera-operaio Fonte foto: ANSA
,,,,,,,