,,

In Spagna arriva l'opzione "sesso X" sui documenti delle persone non binarie, ma solo per gli stranieri

In Spagna entra in vigore la "legge trans" che consente di segnare sui documenti il "sesso X", ovvero non binario. C'è un limite: è solo per stranieri

Pubblicato il:

In Spagna cambiano i documenti per le persone non binarie. Sarà infatti possibile fare richiesta per l’assegnazione del “sesso X” direttamente all’anagrafe. La procedura, valida solo per le persone straniere, non prevede il processo di ospedalizzazione e medicalizzazione.

Opzione “sesso X”

La legge per combattere la discriminazione verso le persone trans, nota al pubblico come “legge trans”, è stata approvata definitivamente dal Parlamento spagnolo lo scorso febbraio. Nel gennaio 2024 le pratiche descritte al suo ingresso sono entrate in vigore, tra queste il cambio di documenti e la richiesta all’anagrafe.

L’opzione “sesso X” sui documenti è una conquista per le persone trans, perché definisce un “sesso”, sarebbe meglio dire “genere”, neutro. Da qui l’utilizzo della lettera “X”.

Spagna sesso X documentiFonte foto: ANSA
 Le persone trans in Italia sono circa lo 0,5-1% della popolazione

Come funziona il cambio di documenti

Oltre alle caselle “uomo” e “donna”, sui documenti sarà presente la casella “X” per indicare il genere non binario. Si tratta di un’opzione al momento presente solo nei documenti delle persone straniere residenti in Spagna. In tutto, la pratica burocratica corrispondente dovrà essere risolta entro quattro mesi al massimo a partire dalla richiesta iniziale, spiega La Vanguardia.

Un problema sorge con l’interferenza con il Codice civile spagnolo, che non consente l’identificazione di un terzo genere (non binario) sui documenti dei nati in Spagna. Per ottenere un documento con “sesso X” infatti bisogna essere nati in un altro Paese, ma anche le persone straniere dovranno prima essere riconosciute nel loro Paese d’origine come persone non binarie (trans) e quindi avere trascritto sui documenti il neutro.

I Paesi che riconoscono l’identità non-binaria

Secondo l’Associazione Internazionale di gay, lesbiche, bisessuali, trans e intersessuali (Ilga), sono già 14 i Paesi nel mondo che riconoscono ufficialmente nei documenti l’identità di genere non binaria per le persone trans.

In 4 di questi il “sesso X” sui documenti è riconosciuto solo per le persone che sono nate intersessuali. In Europa sono, oltre alla Germania, i Paesi Bassi, Austria, Danimarca, Malta e Islanda. Fra i Paesi extracomunitari invece sono Argentina, Canada, India, Pakistan, Bangladesh, Nepal, Nuova Zelanda e Kenya.

spagna-sesso-x Fonte foto: ANSA

Le forniture di caffè per la tua azienda

,,,,,,,,