,,

Il razzo cinese fuori controllo Lunga Marcia 5B è caduto sulla Terra: dove è precipitato

Il razzo cinese Lunga Marcia 5 è finalmente precipitato sulla Terra: la Protezione Civile aveva alzato l'allerta per i detriti, dove è caduto

Pubblicato il:

Fine della corsa: il frammento del razzo cinese Lunga Marcia 5B è precipitato sulla Terra. La sua caduta incontrollata aveva fatto alzare il livello d’allerta per possibili detriti anche in alcune Regioni italiane. Fortunatamente, il punto di impatto è stato parecchio lontano dall’Italia. In un video, il suo arrivo nei cieli della Terra.

Dove è caduto il razzo cinese

Secondo quanto riportato dalle Forze speciali americane dello U.S. Space Command, il frammento del razzo cinese Lunga Marcia 5B è precipitato – pare senza conseguenza e danni.

Il razzo è caduto nelle acque del mare della Malesia, nel sud-est asiatico. All’incirca, il punto di impatto è stato identificato nei pressi della città costiera di Bintulu.

La caduta incontrollata del razzo si è arrestata alle 18:51 ora italiana: a confermare l’arrivo in mare sono state anche le autorità di Pechino.

La caduta del razzo in un video

Su Twitter sono iniziati a comparire alcuni video che ritraggono la scia del frammento, identificato come CZ-5B-Y3, rientrato nell’atmosfera terrestre prima della sua caduta in mare.

Una grossa palla di luce seguita da altre più piccole (i detriti) ha illuminato i cieli della Malesia nella notte del 31 luglio 2022 (ora locale).

Era stata lanciata l’allerta anche in Italia

C’era preoccupazione per il rientro del frammento del razzo fuori controllo: dopo aver portato in orbita il secondo modulo della stazione spaziale cinese, Lunga Marcia 5B ha iniziato a rientrare e secondo le stime il punto di impatto più probabile è sempre stato l’Oceano.

Tuttavia, anche in Italia è stata lanciata un’allerta per possibili detriti: la Protezione Civile ha messo in guarda alcune regioni del Centro-Sud Italia. Nello specifico, l’ente ha allertato il basso Lazio (da Latina in giù), ma anche le seguenti regioni: Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia.

Era impossibile infatti escludere possibili traiettorie che avrebbero coinvolto anche l’Italia, nonostante le rassicurazioni dell’agenzia spaziale cinese.

Le polemiche per i lanci precedenti

Si conclude così un altro capitolo legato alle missioni spaziali cinesi, che nel corso degli ultimi anni hanno spesso causato polemiche. Nel 2020 e 2021, la configurazione Lunga Marcia è stata lanciata in orbita per portare pezzi della stazione spaziale cinese “Tiangong”.

In entrambi i casi, i detriti sono poi finiti sulla Terra: una volta in Costa d’Avorio e l’altra nell’Oceano Indiano. Il rientro del razzo anche questa volta è stato definito da una finestra di incertezza sulla sua caduta incontrollata: “Solo a posteriori si può avere un’idea di dove siano caduti i frammenti” ha dichiarato Luciano Anselmo, ricercatore dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione.

razzo-cinese-caduto-terra Fonte foto: ANSA
,,,,,,,