,,

Il caso Chiabotto divide il web

Guai con il fisco per l’ex Miss Italia: debiti per oltre 2,5 milioni di euro

Non si placa la polemica che ha coinvolto Cristina Chiabotto. L’ex miss Italia, questa volta, è finita sotto i riflettori non per un nuovo programma televisivo ma per la situazione debitoria di oltre 2,5 milioni di euro nei confronti del fisco. Proprio per questo motivo ha chiesto e ottenuto la procedura di liquidazione prevista dalla legge 3/2012 denominata ‘salva-suicidi’. La legge, entrata in vigore per aiutare piccoli imprenditori e famiglie in difficoltà, prevede la cancellazione di tutti i debiti a fronte di un pagamento soltanto parziale che la showgirl salderà con la vendita dei suoi negozi, di cui è proprietaria con la sorella, e con parte del reddito dichiarato.

Questa situazione, legata anche e soprattutto a  un personaggio famoso come Cristina Chiabotto, ha letteralmente scatenato i social network. Il nome della showgirl è finito nelle tendenze di Twitter ma i commenti sono contrastanti.

C’è chi attacca l’ex miss Italia con frasi come: «La povera #Chiabotto si è dimenticata di pagare 2,5 milioni di tasse. Essendo molto sensibile solo l’idea di pagare la multa la deprimerebbe fino al suicidio lasciando vedovo il marito multimilionario. Per il decreto salva-suicidi la multa verrà strappata. Vi sembra giusto?»,  «Si è appena sposata con un imprenditore a Venaria Reale ed ha usufruito della legge “salva-suicidi”. Mi sembra tutto tranne che vicina al suicidio», «Deve essere punita per non aver pagato 2,5 milioni di euro, chissà quanti ne ha guadagnati. Dove li ha messi? Invece le fanno anche le rate».

Ma anche chi prende le sue difese: «Cerchiamo di mantenere la calma, anche perché spero ancora in una smentita, una bufala o in una qualche trovata pubblicitaria», «Quanti commenti assurdi…(di repressi). Spesso queste persone hanno commercialisti che gestiscono i loro tributi e spesso non ne sanno nulla. Provate ad essere “empatici” e capire cosa significa ricevere una notizia simile…provateci. A me anche 1000€ di tasse rovinerebbero la giornata», «Il vero problema è che chi commenta non capisce quello che legge».

Come scritto dal giudice Matteo Buffoni: «La posizione debitoria si manifestava nell’anno 2014 in conseguenza di verifiche effettuate dalla guardia di finanza in relazione al periodo 2008-2013, all’esito delle quali veniva accertato un comportamento elusivo (non fraudolento) e di conseguenza veniva ripreso a tassazione un reddito superiore rispetto a quello dichiarato».

VIRGILIO NOTIZIE | 28-11-2019 16:03

Cristina Chiabotto e i guai col fisco Fonte foto: ANSA
Cristina Chiabotto e i guai col fisco
,,,,,,,