,,

Green pass, obbligo per i lavoratori: la proposta delle Regioni

Tutte le novità che andranno a modificare le condizioni di utilizzo del green pass: dai prezzi dei tamponi alle sanzioni previste per chi non ce l'ha

Il green pass sarà obbligatorio per i dipendenti della Pubblica amministrazione così come per i lavoratori del settore privato a partire dal 15 ottobre. È la data fissata per l’entrata in vigore del nuovo decreto dopo circa un’ora e mezza di Cabina di regia a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e le forze di maggioranza. Ecco di seguito le novità che interesseranno quasi 18 milioni di lavoratori.

Green pass, le novità della Cabina di regia

Secondo quanto riporta l’Ansa, sarebbe stato stabilito anche il prezzo calmierato per i tamponi fino al 31 dicembre: gratuiti per chi non può fare il vaccino, al prezzo di 8 euro sotto i 18 anni, a 15 euro per tutti gli altri.

Secondo le prime informazioni, il green pass sarà inoltre necessario anche per le cariche elettive, compresi i parlamentari di Camera e Senato, a cui è stato chiesto di adeguarsi alle disposizioni.

Confermate infine le sanzioni sia per il pubblico che per il privato: per i lavoratori che dovessero risultare sprovvisti del certificato per 5 giorni, considerati come assenti ingiustificati, è prevista la sospensione dall’impiego e dunque anche dello stipendio. Chi aggira i controlli e viene trovato sul luogo di lavoro senza certificato potrebbe incorrere inoltre in multe dai 600 ai 1.500 euro.

Il certificato sarà obbligatorio anche per colf, baby sitter, Partite Iva e lavoratori che offrono i loro servizi occasionalmente, come idraulici ed elettricisti. L’obbligo si estende anche a chi opera nelle associazioni di volontariato.

Secondo dati del Governo l’obbligo riguarderebbe in totale circa 18 milioni di persone: 13,9 milioni di lavoratori che hanno già il green pass, più i 4,1 milioni che ancora non lo ha.

Prima a Palazzo Chigi si è tenuta una riunione tra Draghi e i ministri Daniele Franco e Roberto Cingolani in merito ai rincari delle bollette.

Green pass, la proposta delle Regioni

Dopo la Cabina di regia si è tenuto un incontro con le Regioni, le quali hanno avanzato le loro proposte. Come riporta l’Ansa, la richiesta inoltrata dal presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga è di estendere la validità dei tamponi da 48 a 72 ore, e di effettuare un ulteriore calmieramento dei prezzi dei tamponi.

Per Fedriga la proposta si pone l’obiettivo di “ridurre le tensioni sociali e accompagnare i cittadini verso una scelta responsabile, quella di tutelare la loro stessa salute e quella della comunità, senza alimentare contrapposizioni frontali e scontri radicali”.

Sull’ipotesi di estendere la validità dei tamponi a 72 ore dovrà esprimersi il Cts. La stessa proposta è stata fatta in Cdm anche dal ministro Giorgetti.

SONDAGGIO – Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori, sei d’accordo?

VirgilioNotizie | 16-09-2021 17:50

Obbligo green pass, nuovo decreto: cosa cambia per tamponi e sanzioni Fonte foto: ANSA
Obbligo green pass, nuovo decreto: cosa cambia per tamponi e sanzioni
,,,,,,,