,,

Gentiloni canta 'Bella Ciao' in Parlamento Europeo

La destra italiana si indigna, esplode la polemica social

‘Bella ciao’, il canto popolare italiano simbolo della Resistenza è finito sotto i riflettori e ha scatenato un dibattito politico che come sempre si è sviluppato sui social network. Il fatto in questione risale ad una settimana fa ed è accaduto all’interno del Parlamento Europeo. Dopo aver ottenuto il via libera dell’assemblea i commissari dell’alleanza socialisti e democratici hanno intonato la celebre canzone partigiana. Tra questi c’era anche Paolo Gentiloni ed in parte è stata proprio la presenza dell’ex presidente del Consiglio ad aver fatto scoppiare la polemica nel nostro Paese. Sulla vicenda sono intervenuti Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Il leader della Lega ha commentato il video dove veniva intonata ‘Bella Ciao’ attraverso due post pubblicati su Facebook e Twitter. Nel primo si legge: «Ah beh, allora siamo a posto…! Complimenti a Pd e 5 Stelle per la scelta di Gentiloni come rappresentante dell’Italia in Europa, al prossimo giro canteranno anche Bandiera Rossa, poi Sanremo e tournée internazionale!», mentre nel secondo: «Questi rappresentano 500milioni di cittadini europei. SPETTACOLO INDEGNO. Come se noi ci fossimo messi a cantare in Consiglio dei ministri. Resistenza in origine non era solo rossa». Sulla stessa lunghezza d’onda anche Giorgia Meloni che scrive: «Commissari europei intonano “Bella Ciao”. Solo io reputo scandaloso questo ridicolo teatrino da parte delle più alte istituzioni europee? Non hanno nulla di più importante di cui occuparsi?».

La risposta “social” del diretto interessato Gentiloni non si è fatta attendere: «Mi dicono che qualcuno si è scandalizzato perché a una festa dei socialisti europei abbiamo cantato #BellaCiao. Per me, un onore». La polemica è stata alimentata anche dal segretario del Pd Nicola Zingaretti che sempre su Twitter esprime il proprio pensiero e attacca il leader della Lega: «Caro Salvini, se vivi in un paese democratico è anche perché ci sono stati tante e tanti che hanno perso la vita cantando “Bella ciao” per la nostra libertà. Non offendere una storia italiana che è di tutti».

Non solo commenti provenienti dal mondo politico perché sull’argomento si è espresso, come sempre, anche il popolo del web mandando tra le tendenze di giornata l’hashtag #BellaCiao.

VIRGILIO NOTIZIE | 05-12-2019 13:04

2a83e73e46f7f593f069a37a283f8df3.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,