,,

Floris vs Salvini: tra il botta e risposta, c'è il siparietto

Acceso dibattito tra il leader della Lega e il conduttore a Di Martedì

Si accende il dibattito politico in televisione. Succede nella trasmissione DiMartedì in onda su La7 dove il conduttore Giovanni Floris ha risposto per le rime al leader della Lega Matteo Salvini. Oggetto del contendere il sempre attuale caso delle minacce alla senatrice a vita Liliana Segre.

L’ex Vicepresidente del Consiglio era ospite in studio del talk di Floris e sull’argomento ha voluto precisare: “Massimo rispetto per Liliana Segre e per chi porta sulla sua pelle i segni dell’orrore del nazismo o del comunismo. Ma io invito tutti a stare più tranquilli. Anche perché l’ennesimo proiettile arrivato a Matteo Salvini non ha ricevuto mezza parola di condanna da parte di nessuno né in politica né sui giornali e io non vorrei che la minaccia a Salvini e alla Lega vale di meno. Se fosse minacciato lei (rivolto a Floris, ndr) sarebbe meno grave?”.

Salvini però è stato prontamente zittito da Floris che gli ha detto: “Lei comprende – vero? – la differenza di valore simbolico tra le minacce rivolte a una vittima dell’Olocausto, e quelle rivolte ad un politico? Io non sono un simbolo, lei (la Segre, ndr) lo è, è una sopravvissuta ai campi di sterminio. Soprattutto se alle manifestazioni della destra partecipano i neofascisti…”. Salvini ha provato a replicare ma la sua controreplica è stata sovrastata dagli applausi del pubblico in studio.

Poco prima però il clima era molto più disteso. Nel momento della presentazione, Floris ha scherzato sull’abbigliamento poco elegante di Salvini che non ha perso tempo a contro ribattere: “Quando vengo a La7 non sono fortunato. La Gruber mi ha detto che vado in spiaggia in mutande, lei che sono in pigiama. Forse porto un golfino fascista? Ma è made in Italy”.

VIRGILIO NOTIZIE | 13-11-2019 14:22

salvini Fonte foto: ANSA
,,,,,,,