,,

Firenze, lite in un locale sfocia in omicidio. La ricostruzione

A perdere la vita è stato un 33enne kosovaro residente in città. Il presunto responsabile avrebbe ammesso le proprie responsabilità

Omicidio nella notte a Firenze dove un 33enne di origini kosovare ha perso la vita al culmine di una lite. Secondo una ricostruzione fatta dall’Ansa l’uomo sarebbe stato colpito da più coltellate al termine di una lite per futili motivi.

Il 39enne tunisino fermato per l’omicidio ha poi raccontato di aver sferrato i fendenti perché temeva a sua volta di essere accoltellato. Stando a quanto riferisce l’Ansa, l’uomo avrebbe ammesso le sue responsabilità aggiungendo di essersi pentito.

Il nordafricano era in un pub in via Faenza, quando verso le 2 di notte ha fatto il suo ingresso la vittima, insieme ad alcuni amici. Tra i due sarebbe scoppiata una lite per futili motivi.

Omicidio a Firenze dopo lite, la ricostruzione

Secondo la ricostruzione riportata dall’Ansa, i due sarebbero usciti in strada per un chiarimento, e a quel punto il tunisino avrebbe accoltellato più volte il kosovaro al torace e alla gola. Durante la colluttazione, il presunto accoltellatore avrebbe riportato vistose ferite al volto e a un braccio.

Stando alla sua versione, infatti, il kosovaro lo avrebbe picchiato e gli avrebbe strappato i vestiti, facendo cadere a terra il coltello da cucina che nascondeva sotto la maglietta. Per paura che l’altro afferrasse il coltello e lo usasse per primo contro di lui, il tunisino avrebbe raccolto il coltello sferrando i fendenti mortali alla cieca contro la vittima.

Quindi sarebbe rientrato a casa e avrebbe lavato il coltello. Poi, resosi conto di quanto aveva fatto, sarebbe sceso di nuovo in strada dove è stato bloccato dai carabinieri.

La morte del 33enne è stata dichiarata intorno alle 4 dall’ospedale di Careggi dove è stato portato in gravissime condizioni.

VIRGILIO NOTIZIE | 18-11-2019 18:35

carabinieri Fonte foto: iStock
,,,,,,,