,,

Ferrari, ritirate oltre 2.200 auto in Cina per problemi ai freni: titolo giù in Borsa, i modelli coinvolti

Ferrari è stata costretta a richiamare oltre 2.200 auto sportive di lusse in Cina per problemi ai freni: quali sono i modelli coinvolti

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

La Ferrari ha ritirato oltre 2.200 auto sportive di lusso dalla Cina: presentavano problemi ai freni. La notizia, confermata da Maranello, ha comportato un notevole calo del titolo in Borsa. Ma quali sono i modelli coinvolti? In cosa consiste il guasto? E, soprattutto, quali sono i rischi delle auto in lista per essere richiamate? Ecco cosa sappiamo fino ad ora.

Ferrari, ritirate oltre 2.200 auto sportive per problemi ai freni: i modelli coinvolti

A dare la notizia del ritiro di 2.200 Ferrari è stata l’Authority cinese, citata da Bloomberg. Poi è arrivata la conferma dalla casa di Maranello: le vetture sono state richiamate per un problema ai freni.

Secondo quanto riferito sul suo sito dalla State Administration for Market Regulation, l’Authority di regolamentazione del mercato, si tratterebbe di “un potenziale guasto ai sistemi frenanti“.

A partire dal 30 maggio, la Ferrari richiamerà alcune auto importate tra marzo 2010 e marzo 2019, tra cui 458 di ciascuno dei suoi modelli:

  • Italia;
  • Speciale;
  • Spider.

Ferrari ritirate in Cina per problemi ai freni: quali sono i rischi

Il rischio, per i modelli di Ferrari che presentano questi problemi ai freni, consiste nelle perdite di liquido a causa del guasto al tappo del relativo serbatoio con conseguente riduzione delle prestazioni della frenata.

Il regolatore non ha spiegato il ritardo nell’attuazione del richiamo, che partirà dal 30 maggio, ma potrebbe dipendere dal fatto che Shanghai, dove la Ferrari ha la sua principale sede in Cina, è attualmente in lockdown e sotto rigide restrizioni per contrastare la variante Omicron di Covid-19.

Ferrari ritirate in Cina, il titolo precipita in Borsa: quanto ha perso

In seguito alla notizia arrivata dalla Cina, il titolo della Ferrari ha subìto un inevitabile calo in Borsa.

Il richiamo delle 2.200 auto sportive di lusso per un problema ai freni ha visto il titolo, in linea con il comparto automotive europeo, cedere il 2,7% a 198,50 euro a Piazza Affari.

Il listino Ftse Mib, invece, è in calo dell’1,4%.

Ferrari richiamate, i precedenti nel 2019 e nel 2020

Nel 2020 1.063 esemplari della Ferrari 812 Superfast erano stati richiamati per un piccolo difetto di produzione: il lunotto sembra essere incollato in maniera errata, col rischio di assistere a un distacco in caso di velocità sostenuta.

Già nel 2019, per lo stesso modello, c’era stato uno richiamo a causa di una saldatura non effettuata secondo gli standard qualitativi di Maranello: in quel caso il fornitore interrogato era stato la SumiRiko Italy.

freni-ferrari Fonte foto: 123RF
,,,,,,,,