,,

"Fatti tanti errori". Salvini torna a chiedere le elezioni

Il leader leghista ha parlato del confronto con il governo Conte ed ha escluso la candidatura a premier di Luca Zaia

Di errori, “certo, ne faccio anche dieci al giorno, ne commetto come tutti quelli che compiono delle scelte. Ma resto alla guida del partito che secondo l’ultimo sondaggio Swg ha 8 punti di vantaggio sul Pd”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini in un’intervista a Repubblica.

L’ex ministro ha spiegato che il centrodestra andrà la prossima settimana all’incontro chiesto dal premier Conte, “perché il Paese ne ha bisogno. Il centrodestra torna a quel tavolo, ma per confrontarsi sui fatti. Abbiamo detto no alle passerelle in villa: quelle non ci interessano. Se si aprirà un dialogo vero a Palazzo Chigi, allora di proposte serie ne porteremo venti”.

Il leader della Lega è tornato a chiedere le elezioni anticipate in autunno perché “se si può votare senza rischi il 20 settembre per le Regioni, non vedo quale sia il problema per le Politiche”. Non si tratta “di dare spallate, ma di far ripartire l’economia paralizzata dalle divergenze Pd-M5S”.

Riguardo all’elezione del prossimo Capo dello Stato nel 2021, Salvini avverte la maggioranza: “Da qui ai prossimi mesi il centrodestra avrà i numeri in aula per essere determinante e cambiare gli equilibri”. “Il presidente – aggiunge – sarà eletto con molta probabilità coi voti di tutti, tranne che del Pd, che lavora per averne uno a suo piacimento”.

Sulle regionali e il mancato accordo sulle candidature del centrodestra in Puglia, Campania, Toscana e Marche, Salvini ha detto che “l’accordo è a portata di mano. Sto lavorando personalmente a un’intesa complessiva. E da leader del primo partito e della coalizione sono pronto a fare un passo indietro, se sarà necessario. Pur di trovare una sintesi”.

In Puglia e Campania, come accaduto in Calabria, “ci siamo opposti a un candidato che aveva problemi, interessa solo il rinnovamento. Quello vero. In Campania, per essere chiari, chiediamo liste pulite, sopra ogni sospetto, anche da parte degli alleati”.

Salvini ha spiegato così il continuo calo dei consensi della Lega: il partito “è l’unico movimento politico che vive in mezzo alla gente. Il Pd come il M5S non esistono più, non hanno una sede. E se chiudi le piazze e le fabbriche per tre mesi, alla Lega togli lo spazio vitale”.

Sull’ipotesi di Luca Zaia candidato premier, forte nei sondaggi, Salvini ha detto che il governatore “preferisce restare in Veneto, portare a compimento la sua missione e la riforma autonomista. Gli avevo chiesto già nel 2018 di entrare in squadra, non ha accettato. Tra cinque anni, Luca sarà una risorsa”.

VirgilioNotizie | 21-06-2020 09:44

Maturità: dove hanno studiato i politici e che voto hanno preso Fonte foto: Ansa
Maturità: dove hanno studiato i politici e che voto hanno preso
,,,,,,,