,,

Fase 2, folla e assembramenti al mercato a Milano

Il responsabile: "Le persone entrano ed escono anche da ingressi secondari non presidiati"

Riapertura del mercato (con bancarelle non alimentari) in via Osoppo a Milano e le immagini, nel video diffuso dall’Ansa, parlano da sole.

È lo stesso responsabile del mercato, discutendo con la Polizia Municipale di Milano, a rendere l’idea: “È difficile mantenere le distanze se le persone si fermano a stazionare”. Oggi infatti è il primo giorno per le bancarelle dei generi non alimentari in Via Osoppo a Milano; l’afflusso di persone è difficilmente gestibile. Non bastano gli ingressi contingentati a fermare le persone che entrano ed escono anche da ingressi secondari non presidiati.

Sala e le riaperture dei mercati

Sulle riaperture dei mercati rionali cittadini “abbiamo trovato un accordo e da oggi si possono aggiungere le bancarelle dei non alimentari, da sabato si aggiungeranno nuovi mercati e da lunedì riapriranno tutti i mercati”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel video che ogni giorno posta sulle sue pagine social. “Abbiamo avuto lunghe discussioni con i rappresentanti di categoria perché le nuove norme portano ad un impegno molto consistente di personale per controllare il tutto. Come delimitare, poi c’è chi misura la temperatura all’ingresso – ha aggiunto – chi conta le persone, chi si occupa di tenere le distanze, questa discussione nasceva dalla necessità di trovare un’organizzazione adeguata affinché si potesse lavorare ma in sicurezza”.

Sala e la movida

“Purtroppo ero stato un buon profeta arrabbiandomi prima della riapertura sulla questione Navigli. In sostanza da questo punto di vista abbiamo un problema e lo hanno, diciamo la verità, tutte le città italiane”. “Io capisco i ragazzi, e non sono solo loro, che hanno bisogno di socialità però così il rischio è molto elevato”, ha concluso Sala.

VirgilioNotizie | 21-05-2020 12:09

Movida e assembramenti. Ira dei sindaci: "Chiudiamo tutto" Fonte foto: Screenshot da video Ansa
Movida e assembramenti. Ira dei sindaci: "Chiudiamo tutto"
,,,,,,,