,,

Fase 2, le Regioni pronte a riaprire le spiagge il 18 maggio

Le Regioni potranno decidere in autonomia quali attività riaprire il 18 maggio, dopo l'ok del Governo. In alcune potrebbero riaprire anche le spiagge

Il Governo ha dato il via libera alle Regioni per riaprire in autonomia il 18 maggio alcune attività come bar, ristoranti e negozi. Il governatore della Liguria Giovanni Toti, però, ha deciso di giocare d’anticipo provando a riaprire il 18 anche le spiagge. “Dal 18 maggio riapriamo tutto, spiagge comprese”, ha affermato Toti in un’intervista del Corriere della Sera.

Fase 2, dal 18 riaprono le spiagge in Liguria

Dal 18 “diamo il via alla stagione balneare. Il comparto turistico dà lavoro a 100mila persone e se si viaggerà tra le Regioni potremmo salvare il 70% della stagione. Basterà la distanza sociale. Stiamo sperimentando un braccialetto volontario da mare: se ti avvicini a meno di un metro vibra. Una cosa giocosa. Chissà, magari diventa una moda”, ha spiegato Toti al Corriere della Sera.

La Liguria si prepara quindi a riaprire gli stabilimenti balneari in sicurezza, tenendo conto delle indicazioni fornite nel documento dell’Inail.

“Per le spiagge libere decideremo con i Comuni – ha proseguito il governatore della Liguria – potrebbero esserci steward per la moral suasion. Sotto lo stesso ombrellone chi vive insieme”.

Fase 2, Emilia-Romagna pronta a riaprire le spiagge il 18

Ma c’è un’altra Regione che si è detta pronta a riaprire le spiagge dal 18 maggio, oltre a bar, negozi, ristoranti, parrucchieri e centri estetici: l’Emilia-Romagna. “Sempre rispettando le norme di sicurezza“, ha precisato la Regione, come riporta l’Ansa, aggiungendo che nei prossimi giorni “termineranno i lavori dei tavoli tecnici chiamati a definire i protocolli di sicurezza per il riavvio delle diverse attività ora sospese, nel rispetto delle linee guida nazionali”.

Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo, Commercio e Trasporti, ha affermato all’Ansa: “La nostra stella polare è garantire la salute delle persone. Ma sappiamo che una comunità non può bloccare a lungo la propria economia, senza rischiare gravi ripercussioni anche sul piano sociale”.

“Per questo – ha sottolineato – guardiamo con fiducia alle riaperture di molte attività economiche ora sospese a causa dell’emergenza Covid-19. E stiamo lavorando affinché tutto questo avvenga nelle condizioni di massima sicurezza per tutti”.

“Siamo al lavoro da giorni con i tecnici, con i sanitari, con le associazioni di categoria, per garantire la riapertura di diverse attività ancora sospese. In primo piano l’esigenza di garantire la sicurezza dei lavoratori e dei clienti, come dicevo, ma anche la consapevolezza di voler rimettere in moto, presto e bene, una macchina che garantisce una percentuale significativa della ricchezza dell’Emilia-Romagna“, ha concluso Corsini.

VirgilioNotizie | 12-05-2020 13:37

Il protocollo per le spiagge. Le linee guida Fonte foto: ANSA
Il protocollo per le spiagge. Le linee guida
,,,,,,,