,,

Nuova inchiesta sull'Ilva, il duro attacco di Salvini al governo

La Procura di Taranto indaga per comportamenti "lesivi dell'economia nazionale"

I commissari dell’ex Ilva hanno depositato alla Procura di Taranto una denuncia con al centro “fatti e comportamenti inerenti al rapporto contrattuale con ArcelorMittal, lesivi dell’economia nazionale“, secondo quanto riporta l’Ansa. Pertanto avrebbero chiesto di verificare la sussistenza di ipotesi di reato agli inquirenti, in maniera analoga a quanto sta facendo la Procura di Milano.

Il duro attacco di Matteo Salvini a Giuseppe Conte sul caso Ilva

“Se un governo di un Paese come l’Italia pensa di risolvere i problemi delle imprese per vie legali, andando in giro per i tribunali di mezza Italia, vuol dire che abbiamo persone pericolose ed incapaci al governo“, ha dichiarato Matteo Salvini in diretta su Facebook.

Il segretario della Lega ha proseguito: “Ora l’unica cosa che dovete fare è riconoscere l’errore fatto. Tornate indietro, non si faccia una battaglia politica sulla pelle di queste decine di migliaia di lavoratori, in modo tale da riportare l’impresa al tavolo”.

“Qualcuno pensa di risolverla per avvocati”, ha continuato Matteo Salvini, sferrando un attacco a Giuseppe Conte. “C’è un presidente del Consiglio che sarebbe pagato per risolvere i problemi, non per dire bellamente ‘Non so come uscirne, datemi una mano, mandatemi una mail, compro una vocale, l’aiutino da casa con il telefono’. Se non sei capace di fare il presidente del Consiglio è meglio per tutti che fai altro”.

Le dichiarazioni di Luigi Di Maio sul piano B per l’ex Ilva di Taranto

Luigi Di Maio ha fatto sapere che “parlare oggi del Piano B per Taranto significa dare la migliore via d’uscita ad ArcelorMittal. L’azienda deve sentire la pressione di tutti i cittadini e del sistema Italia”.

“Già parlare di piani sulla nazionalizzazione o di un’altra cordata è un modo per dire: puoi andare, tanto abbiamo un’alternativa“, ha continuato il ministro, secondo quanto riportato dall’Ansa.

“Per me il piano A, B o C si chiama Arcelor Mittal e vedremo in tribunale tra settimane quale sarà l’esito della procedura d’urgenza“, ha concluso il capo politico del Movimento 5 Stelle.

Catalfo, ministra del lavoro: “Proposta di ArcelorMittal inaccettabile”

La proposta dell’azienda “è inaccettabile“, ha commentato a Sky la ministra del lavoro Nunzia Catalfo riguato il tavolo di ieri con ArcelorMittal. Sottolineando la riduzione di personale con 5mila esuberi richiesta dal gruppo.

Nunzia Catalfo ha anche spiegato che l’azienda avrebbe anche chiesto di andare in deroga delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Richiesta, ha aggiunto, “alla quale ho opposto un secco no“.

Emiliano: “Mittal sta cercando di far cadere il governo”

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha commentato, tramite l’Ansa: “Mittal sta cercando di mettere in crisi politica il governo italiano. Sta facendo qualcosa senza precedenti nella economia internazionale: una multinazionale che cerca, sia pur forse indirettamente, di far cadere un governo. Mai vista nella storia una cosa del genere”.

Lo “sciopero al contrario” all’ex Ilva proposto dai sindacati

“L’insubordinazione alla decisione dell’azienda di fermare gli impianti? È un’idea già emersa nell’ultimo consiglio di fabbrica, l’avevamo proposta anche noi. Sì, pensiamo ad una sorta di sciopero al contrario“, ha fatto sapere Francesco Brigati, coordinatore delle Rsu Fiom dell’ex Ilva, all’Ansa.

“Non vogliamo esserecomplici della morte della fabbrica. Ogni decisione, comunque, andrà condivisa con le altre sigle e i lavoratori. Decideremo le iniziative nel consiglio di fabbrica convocato per lunedì prossimo”, ha concluso.

VirgilioNotizie | 16-11-2019 19:00

Ex Ilva, ArcelorMittal lascia. Tutte le reazioni Fonte foto: Ansa
Ex Ilva, ArcelorMittal lascia. Tutte le reazioni
,,,,,,,