,,

Euro "irreversibile", Salvini precisa e detta le priorità

Salvini è tornato a esprimersi sulla polemica dell'Euro, dopo che il premier Draghi ha chiarito in Senato la sua visione

Il leader leghista Matteo Salvini, passato sotto l’egida dell’europeismo come i media hanno spesso sottolineato in questi giorni, non si è detto del tutto estraneo alla volontà di recedere dall’Euro. A “L’aria che tira”, su La7, Salvini aveva detto che l’Euro non è “irreversibile”. Una parola utilizzata anche dal premier Draghi durante il suo primo discorso in Senato, quasi a volersi rivolgere proprio a Salvini: “Sostenere questo governo significa condividere l’irreversibilità della scelta dell’Euro”, ha sottolineato il premier.

Salvini e l’Euro, la precisazione

Intervistato da Sky Tg24, il leghista ha quindi chiarito la propria posizione: “Quello dell’Euro non è un tema di attualità oggi: pensa che in questo momento davanti al televisore ci sia qualcuno che si chiede se la moneta unica ci sarà per la storia dell’uomo oppure chi è davanti al televisore ha problemi di salute, scuola e lavoro? Io mi occupo di salute, scuola e lavoro, lascio agli accademici le dissertazioni sulla moneta e sulla filosofia”.

Salvini: “Non mi interessa chi ha sbagliato, mi interessa ripartire”

Dopo i numerosi attacchi ai membri del nuovo esecutivo ereditati dal precedente – Speranza e Lamorgese su tutti – Salvini ha chiarito che il problema non sono i nomi: “L’ha detto il presidente Draghi: evidentemente qualcosa nei mesi passati non ha funzionato”.

“Non mi interessa chi ha sbagliato – ha detto Salvini – mi interessa ripartire, occorre un cambio di passo, non so se di uomini ma sicuramente un cambio di metodo”. In particolare sulle tempistiche: “Non si può annunciare agli italiani la domenica sera che li si chiude in casa il lunedì mattina”.

Salvini, le priorità per il nuovo governo

“Abbiamo scelto di esserci, di metterci la faccia. In questi giorni sto incontrando sindaci, governatori, imprenditori, agricoltori e ristoratori che mi chiedono non la polemica politica destra-sinistra tra sovranisti ed europeisti ma la soluzione dei problemi: salute, lavoro e ritorno alla vita”, ha detto il segretario leghista durante la registrazione di “Porta a porta”.

Salvini si è detto convinto che con il governo Draghi cambierà l’approccio alla gestione dei migranti: “I confini dell’Italia sono i confini dell’Europa. Un governo con la Lega, presieduto da una persona seria come Draghi, non può continuare ad avere l’Italia come punto di approdo e di non ripartenza. Controllare i nostri confini è interesse non solo italiano ma europeo”.

Il leader leghista ha parlato anche del progetto del ponte sullo Stretto: “Mi sono fatto fare un dossier coi numeri del Ponte di Messina: quanto costa, quanto tempo, quanti posti di lavoro. Sono 100mila posti di lavoro e, se fatto in acciaio, assorbe per quattro anni la produzione dell’Ilva di Taranto. Mi piacerebbe dedicare tutto il mio tempo a questo, non alla polemica con la Boldrini o con Zingaretti”.

VirgilioNotizie | 17-02-2021 16:53

Governo e programma, le reazioni al discorso di Draghi in Senato Fonte foto: ANSA
Governo e programma, le reazioni al discorso di Draghi in Senato
,,,,,,,