,,

Elisabetta Trenta trasloca dopo la polemica sulla 'Casa di Stato'

L'ex ministra della Difesa lascia l'appartamento per cui è finita al centro della bufera negli ultimi mesi

L’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta, ha fatto sapere tramite Facebook che oggi, “9 Gennaio ci sarà il tanto discusso trasloco dal famoso ‘Appartamento di Stato‘, come è stato definito da alcuni media, che porrà – speriamo – fine a questa squallida storia di fango mediatico”.

Come riporta La Verità, la rappresentate del Movimento 5 Stelle, durante il suo mandato, avrebbe vissuto in un mega appartamento a Roma messo a disposizione dall’Esercito alla modica cifra di 314,95 euro al mese, a pochi passi da Piazza San Giovanni con vista sull’Obelisco Lateranense.

“Al riguardo, negli ultimi giorni sono stata contattata da diverse testate, a cui ho chiesto di attendere la mia conferenza stampa nella quale avrei fornito tutti i dettagli. Il gesto è stato interpretato come una fuga o un cercare di prendere tempo, tanto che proprio oggi è uscito un ennesimo attacco. Ripreso addirittura dal TG2. Niente di più falso. Come avevo promesso il trasloco è già in corso”, ha precisato l’ex ministra.

“Sapete bene che non mi piace annunciare cose che ancora non sono avvenute. Sono una persona pragmatica e rispettosa. Ritengo, quindi, che le comunicazioni con i cittadini e i media siano sempre doverose. Ma a patto che ci sia effettivamente qualcosa di concreto da condividere”, ha continuato Elisabetta Trenta su Facebook.

“L’evolversi degli eventi, però, mi ha costretta ad agire diversamente. Ho deciso di condividere qui con voi tutti questa notizia, in modo che non ci siano ulteriori incomprensioni o strumentalizzazioni. Aggiungo, per chi lo avesse dimenticato, che a Natale è festa per tutti, anche per i traslocatori“, ha aggiunto la pentastellata.

“Ribadisco, per chi continua a fare sciacallaggio, che non sto occupando nulla al di fuori delle regole e che il ministro Lorenzo Guerini si è espresso in proposito, ma nessun giornale ha dato la notizia”, ha sottolineato Elisabetta Trenta.

“Colgo l’occasione di questo post anche per occuparmi di qualcosa che ritengo più serio: e cioè ringraziare ancora una volta i nostri militari e le loro famiglie, in Italia e all’estero, per tutti i sacrifici che stanno facendo affinché noi tutti possiamo vivere più sicuri. A maggior ragione in un periodo delicato come questo per la stabilità internazionale. Grazie dal profondo del cuore. Viva le Forze Armate, viva l’Italia!”, ha concluso l’ex ministra pentastellata.

A smentire le parole di Elisabetta Trenta ci ha pensato la One divisione traslochi, che ha spiegato a La Verità: “Noi siamo arrivati lì oggi, perché ci è stato detto di arrivare lì oggi. Non ci sono stati ritardi“. Il meccanismo burocratico è molto preciso: un ufficio della Difesa, il Motra, ovvero Movimenti e trasporti, manda l’ ordine di lavoro all’impresa e la ditta esegue.

L’amministratore Maurizio Coccia ha spiegato al giornale fondato da Maurizio Belpietro che tutto si sarebbe svolto secondo l’iter previsto, e che la data del trasloco da via Amba Aradam “è quella che è stata richiesta”. Nessun ritardo natalizio, insomma, secondo la ditta.

VIRGILIO NOTIZIE | 08-01-2020 19:07

Caso Trenta, ecco l'appartamento della bufera Fonte foto: Ansa
Caso Trenta, ecco l'appartamento della bufera
,,,,,,,