,,

Elezioni Regionali 2024 dal voto disgiunto al ballottaggio: come si vota e con quali documenti, guida completa

Tutto quello che si deve sapere su come si vota alle elezioni Regionali: la guida completa, dal voto disgiunto al ballottaggio

Pubblicato: Aggiornato:

Le elezioni Regionali 2024 svolgono un ruolo cruciale in Italia e sono destinate a influire anche sul peso politico dei partiti a livello nazionale. Gli italiani chiamati al voto possono eleggere i governatori e il consiglio regionale. Vediamo in questa guida chi può votare, come si esprime la preferenza e come si decidono i vincitori delle elezioni 2024: cittadini chiamati al voto in Sardegna, Abruzzo, Basilicata, Piemonte e Umbria.

Chi può votare alle elezioni Regionali 2024

Alle elezioni Regionali possono votare gli iscritti alle liste elettorali del proprio Comune di residenza che abbiano compiuto i 18 anni di età entro il primo giorno delle elezioni.

Per gli elettori è necessario presentarsi al seggio elettorale muniti di documento di riconoscimento valido e di tessera elettorale, su cui è indicato l’indirizzo e il numero del proprio seggio.

scheda fac-simile elezioni regionali sardegna 2024Fonte foto: Regione Sardegna
Il fac simile della scheda per le elezioni Regionali in Sardegna 2024

Cosa fare in caso di smarrimento della tessera elettorale

In caso di esaurimento degli spazi, furto o smarrimento della tessera o mancata ricezione della stessa è possibile chiederne il duplicato, dopo aver compilato un modulo di richiesta.

Tutti gli uffici comunali, in occasione delle elezioni, effettueranno aperture straordinarie mentre, presso i seggi, non è prevista la presenza di addetti comunali autorizzati al rilascio di tessere elettorali o di altri documenti personali.

Come si vota alle Regionali

L’elettore avrà una scheda e troverà nei rettangoli il nome e il cognome della persona candidata alla carica di presidente.

Nella parte a sinistra saranno invece presenti i simboli delle liste che sostengono il candidato alla carica di governatore.

Come si vota in Sardegna

Per esempio, in Sardegna gli elettori può, a scelta:

  • votare per un candidato alla carica di Presidente della Regione (ciò non comporta alcuna attribuzione di voto alla lista o alle liste provinciali collegate);
  • votare per un candidato alla carica di Presidente della Regione e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;
  • votare disgiuntamente per un candidato alla carica di Presidente della Regione e per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;
  • votare a favore solo di una lista (in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato Presidente della Regione a essa collegato).

Nelle liste plurinominali è prevista l’alternanza di genere, con la possibilità di esprimere fino a due preferenze, scegliendo tra un candidato e una candidata che appartengano alla stessa lista e scrivendo i loro cognomi sulla scheda elettorale. Se si indicano due uomini o due donne, la seconda preferenza verrà annullata.

Come si vota in Abruzzo

In Abruzzo, invece, l’elettore può:

  • votare un candidato presidente, e il voto NON si estende alle liste a esso collegate;
  • votare una lista, e il voto si estende anche al candidato presidente a essa collegato;
  • votare un candidato presidente e una delle liste a esso collegate.

L’elettore può esprimere una o due preferenze per i candidati a consigliere della lista prescelta, scrivendo il cognome oppure il nome e il cognome in caso di omonimia. Se esprime due preferenze, queste devono essere di genere diverso (per una donna e per un uomo, o viceversa, comunque della medesima lista); in caso contrario la seconda preferenza è nulla e resta valida solo la prima. Non è consentito il voto disgiunto: sarà considerata nulla, la scheda con il voto espresso per un candidato Presidente e per una lista diversa da quelle a lui collegate.

Niente ballottaggio

È eletto presidente di Regione il candidato governatore che ottiene più voti, senza ballottaggio (come invece per i sindaci, che per essere eletti al primo turno devono ottenere il 50% dei voti).

Il candidato presidente secondo classificato viene eletto immediatamente in Consiglio regionale.

TAG:

come-si-vota-elezioni-regionali Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,