,,

Diffusione Omicron Italia, in che percentuale è presente la variante nel nostro Paese: parla Brusaferro

Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) ha anche parlato delle misure di prevenzione da mettere in campo. Cosa dice lo studio

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) Silvio Brusaferro ha parlato della diffusione della variante Omicron in Italia. Le rilevazioni alle quali l’esperto ha fatto riferimento risalgono allo scorso 20 dicembre.

E quindi, quanto è diffuso nel Belpaese il ceppo più contagioso del Covid, destinato a diventare maggioritario e rimpiazzare la variante Delta?

Ecco le conclusioni dello studio dell’ISS sulla Omicron.

Omicron in Italia, le parole di Silvio Brusaferro: quanto è diffuso il nuovo ceppo più contagioso

“In Italia è in forte crescita la percentuale della variante Omicron, che da una stima basata sulle analisi preliminari dei tamponi raccolti per l’indagine rapida del 20 dicembre potrebbe essere intorno al 28%, ma con forti variabilità regionali”. Così Brusaferro.

In particolare, l’analisi si è basata su circa 2mila tamponi raccolti in 18 regioni o Province Autonome.

Pur nella sua provvisorietà, rispettivamente a risultati che, quindi, non possono essere considerati definitivi, lo studio al quale il capo dell’Iss ha accennato “conferma la grande velocità di diffusione della variante, che sembra dar vita a focolai molto estesi in poco tempo e si avvia ad essere maggioritaria sul breve termine, come sta già avvenendo in diversi altri paesi europei”.

Milanesi e turisti in centro per shopping e regali natalizi a MilanoFonte foto: ANSA
Milanesi e turisti in centro per shopping e regali natalizi a Milano

A dimostrazione di quanto dichiarato da Brusaferro, si segnala il maxi focolaio milanese che ha determinato un’impennata di casi nel comune lombardo ed è forse attribuibile proprio a Omicron.

Omicron news, quali sono le armi per prevenire il contagio: il parere del presidente Iss

“In base ai dati disponibili le armi a disposizione sono la vaccinazione, con la terza dose tempestiva, e le misure, individuali e collettive, per limitare la diffusione del virus, le mascherine e la limitazione dei contatti e degli assembramenti”. Così il medico e accademico sulle misure di prevenzione.

Diffusione Omicron, i risultati di un precedente studio e quando le prossime ricognizioni

Una ricognizione portata a termine lo scorso 6 dicembre stimava la presenza di Omicron in Italia allo 0,3%. Confrontando i risultati del precedente studio con le anticipazioni sulle ultime assunzioni del 20 dicembre, si evince che il tempo di raddoppio della variante Omicron è di due giorni. “In linea con quello già trovato in altri paesi europei”, sottolinea Brusaferro.

Un prossimo studio sulla diffusione della nuova variante è stato messo in programma per il prossimo 29 dicembre e il 3 gennaio del 2022.

Quarta dose contro la variante Omicron: cosa dicono gli esperti da Bassetti a Pregliasco Fonte foto: ANSA
Quarta dose contro la variante Omicron: cosa dicono gli esperti da Bassetti a Pregliasco

Il benessere della tua mente è importante

,,,,,,,,