,,

Omicidio Piacenza, la sorella di Elisa scrive a Sebastiani

Francesca Pomarelli si rivolge con rabbia all'assassino della sorella Elisa

“Ora piangi eh?… ahimè non hai ancora incrociato la mia strada”: con queste parole Francesca Pomarelli, la sorella di Elisa ritrovata morta nelle campagne piacentine, si è rivolto a Massimo Sebastiani, l’uomo che ha confessato il delitto e l’occultamento del cadavere.

Nei giorni successivi alla scomparsa dei due la giovane aveva lanciato un appello sui social e aveva partecipato attivamente alle ricerche della sorella. E aveva continuato a sperare di poter riabbracciare Elisa fino alla fine, fino all’arresto di Sebastiani e al ritrovamento del corpo senza vita della 28enne.

La ricostruzione del caso: dalla scomparsa all’arresto

Francesca Pomarelli ha ora dedicato un messaggio all’omicida della sorella : “Ormai sei il mio incubo – scrive su Facebook -. Se fossi seriamente pentito accetteresti l’ergastolo a testa china, senza attaccarti ad ogni cavillo. Il minimo che puoi fare è marcire in galera e non sprecare energie a giustificare un’azione impensabile”.

Intanto proseguono le indagini per ricostruire l’intera vicenda: secondo quanto ricostruito finora Sebastiani era ossessionato da Elisa Pomarelli, che invece lo considerava un semplice amico. Il 45enne l’avrebbe strangolata domenica dopo aver pranzato assieme in una trattoria. Da chiarire anche la posizione di Silvio Perazzi, padre di un’ex fidanzata di Sebastiani, arrestato per favoreggiamento.

VIRGILIO NOTIZIE | 09-09-2019 13:38

Scomparsi a Piacenza: la ricostruzione del delitto di Elisa Fonte foto: Ansa
Scomparsi a Piacenza: la ricostruzione del delitto di Elisa
,,,,,,,