,,

Crisi di governo, Salvini vuole accelerare: la possibile mossa

Il Senato potrebbe inserire il voto sulla mozione di sfiducia dopo l'intervento in Aula del premier Conte del 20 agosto

“Mi affido alla saggezza del Presidente della Repubblica: è evidente che non c’è un’altra maggioranza”. Lo ha detto ieri il leader della Lega Matteo Salvini al termine della riunione con i parlamentari leghisti che si è tenuta in un hotel romano dopo la riunione dei capigruppo del Senato.

Per il vicepremier la linea sulla crisi di governo dai lui aperta non è cambiata: subito alle elezioni anticipate. Posizione espressa dal centro-destra unito (Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia) nella conferenza dei capigruppo di lunedì, che ha chiesto di calendarizzare al più presto, il 14 agosto, la mozione di sfiducia contro il premier Giuseppe Conte presentata dalla Lega. Spetterà all’Aula del Senato decidere sul calendario dei lavori.

Di ritorno da Vittoria, in Sicilia, Salvini ha risposto così ai cronisti al termine della riunione con i suoi: “Se sono pronto a ritirare la nostra delegazione al governo? Siamo pronti a tutto l’unica cosa che non vogliamo è scaldare le poltrone. Lo vedrete nelle prossime ore”. Una mossa che, se attuata, potrebbe accelerare la crisi inducendo subito il premier alle dimissioni.

Poi, alla domanda se ci sia un accordo tra Lega e Forza Italia, il vicepremier ha risposto: “L’unico accordo che vedo è quello fra Renzi e M5S per salvare la poltrona”. Salvini dovrebbe incontrare Berlusconi nei prossimi giorni, mentre l’appuntamento con Giorgia Meloni è già stato fissato per stamattina.

VIRGILIO NOTIZIE | 13-08-2019 05:30

Diario del governo Lega-M5s, dalla nascita alla crisi Fonte foto: Ansa
Diario del governo Lega-M5s, dalla nascita alla crisi
,,,,,,,