,,

Autodichiarazione Aiuti di Stato Covid, c'è la proroga: fissata una nuova scadenza, cosa cambia per le imprese

Boccata d'ossigeno per le imprese: prorogati i termini per inviare l'autodichiarazione sugli aiuti di Stato per il Covid all'Agenzia delle Entrate

Pubblicato il:

Boccata d’aria. L’Agenzia delle Entrate ha deciso di prorogare la scadenza per inviare l’autodichiarazione sostitutiva da parte delle imprese che hanno ricevuto aiuti di Stato durante l’emergenza Covid. Precedentemente fissata al 30 giugno 2022, era stata spostata al 30 novembre dello stesso anno: l’Agenzia, adesso, ha optato per un’ulteriore estensione, con una nuova scadenza.

La nuova scadenza

Il provvedimento è stato firmato da Ernesto Maria Ruffini, direttore dell’Agenzia delle Entrate.

La nuova scadenza per inviare l’autodichiarazione è stata spostata dal 30 novembre 2022 al 31 gennaio 2023.

agenzia delle entrate aiuti di StatoFonte foto: ANSA

Il documento serve ad attestare che l’importo complessivo dei sostegni economici ricevuti non ha superato i massimali indicati nella Comunicazione della Commissione europea ‘Temporary Framework‘ e a confermare il rispetto delle varie condizioni previste.

Il motivo della proroga

Come riportato nel comunicato ufficiale diffuso dall’Agenzia delle Entrate, la proroga è stata decisa per andare incontro alle segnalazioni pervenute da alcuni professionisti incaricati all’invio dai propri assistiti, che negli ultimi giorni hanno riscontrato difficoltà nell’accedere al Registro nazionale degli aiuti di Stato (RNA).

Il sito, ad oggi (30 novembre), risulta infatti irraggiungibile.

E l’accesso al Registro è fondamentale, perché serve a reperire le informazioni necessarie alla compilazione delle dichiarazioni da inviare telematicamente all’Agenzia stessa.

Cosa ne pensano i commercialisti

A presentare la richiesta di proroga dell’autodichiarazione Aiuti di Stato Covid-19, avanzata nei giorni scorsi, è stato il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili.

Per il presidente, Elbano De Nuccio, si tratta di “un provvedimento necessario, che ha richiesto una fitta interlocuzione istituzionale con i vertici del ministero dell’Impresa e del Made in Italy e con l’Agenzia delle Entrate, per limitare i disagi che i commercialisti e i loro assistiti hanno subito in questi giorni nei quali, peraltro, sono in scadenza numerosi altri adempimenti“.

De Nuccio ha aggiunto che spera che, in futuro, “non sia più necessaria la continua richiesta di proroghe” e che sia fissato “un minor numero di adempimenti di cui, sovente, non si scorge l’effettiva utilità“.

“I commercialisti – ha concluso il presidente – sono pronti a contribuire in modo decisivo a quest’opera di semplificazione”.

TAG:

aiuti-di-stato-autodichiarazione Fonte foto: 123RF
,,,,,,,,