,,

Covid, ecco i "furbetti" del vaccino: più di 100mila fuori lista

Oltre 100mila vaccini sono stati somministrati a persone che non sono medici, operatori sanitari o ospiti di Rsa, le categorie più a rischio

Il report sui vaccini, visionabile su tutti i siti istituzionali sull’emergenza Covid, ha il pregio di riportare con precisione tutti i numeri sulle dosi consegnate e somministrate in ogni singola regione. Precisione che talvolta può creare qualche malinteso, come nel caso delle dosi in Campania che ha suscitato l’ironia dei social; in qualche altro caso, invece, può far luce su aspetti controversi che assumono i contorni di una beffa.

Analizzando i dati del report, si legge che delle 752.608 persone vaccinate – alle 18.50 del 12 gennaio – 105.844 non appartengono né al personale sanitario e sociosanitario né agli ospiti delle Rsa, cioè le due categorie ad alta priorità a cui erano destinati i vaccini.

Report vaccini, le verifiche dei Nas

Su queste 100mila persone, come riporta La Repubblica, stanno cercando di fare chiarezza i carabinieri del Nas, che hanno acquisito l’elenco dei vaccinandi in diverse regioni, per verificare se è stata compiuta qualche irregolarità nelle liste o se ci sono stati abusi.

Nella categoria di “personale non sanitario“, come riferisce Repubblica, potrebbero esserci tutte quelle persone che hanno in qualche modo un legame con le Asl e gli ospedali; amministrativi che lavorano in ufficio, addetti alla manutenzione e alle pulizie, i manager, i cuochi e i camerieri delle mense, i centralinisti, gli uscieri, gli specialisti medici che non entrano direttamente a contatto con i malati.

Ma possono esserci anche persone che hanno approfittato di qualche conoscenza per riuscire a ottenere una dose di vaccino che non gli spettava. C’è chi può averlo fatto in buona fede, come il sindaco nel Barese che ha ricevuto una dose di vaccino che altrimenti sarebbe andata sprecata, ma può anche esserci chi invece non aveva alcuna giustificazione.

Il caso limite dell’Emilia-Romagna

Repubblica ha quindi pubblicato i dati, raccolti al 10 gennaio, su quanti hanno effettivamente ricevuto il vaccino nelle singole regioni: in Campania, su 68.138 vaccinati, 1.262 sono anziani delle Rsa e 10.583 fanno parte del personale non sanitario; in Calabria c’erano 10.940 vaccinati di cui 1.190 non sanitari e nessun ospite di Rsa; in Sicilia, su 61.694 vaccinati, 8.719 erano personale non sanitario e 1.328 ospiti delle case di riposo; nel Lazio su 66.773 vaccinati 6.019 erano non sanitari e 4.356 ospiti delle residenze; in Lombardia su 69.712 vaccinati, 10.397 erano personale non sanitario, e 1.631 anziani delle case di riposo.

Il dato più sorprendente è però quello dell’Emilia-Romagna, dove su 71.293 somministrazioni, 4.765 sono state destinate agli ospiti delle Rsa e ben 21.341 al personale non sanitario.

VIRGILIO NOTIZIE | 12-01-2021 23:09

Vaccino, quante dosi e a chi: tutti i dati per regione. Il report Fonte foto: ANSA
Vaccino, quante dosi e a chi: tutti i dati per regione. Il report
,,,,,,,