,,

Covid, De Luca: "Guardiamo al futuro. Usciamo da questo calvario"

Il governatore della Campania manda in diretta Facebook un messaggio di ottimismo, verso il superamento dell'emergenza a partire da questa Pasqua

Il Presidente della Campania Vincenzo De Luca dice di guardare al futuro, di guardare oltre l’emergenza da Covid-19, già dopo questa Pasqua. È un messaggio di ottimismo che il governatore rivolge ai cittadini campani durante il consueto punto sulla situazione coronavirus nella regione sulla sua pagina Facebook.

Dobbiamo cominciare a entrare in uno stato d’animo diverso a partire da Pasqua. Dobbiamo proiettarci sempre più anche psicologicamente verso il futuro, cominciare a pensare sempre più a quello che potrà essere la nostra vita fra 2 o 3 mesi, perché oggi vi sono tutte le condizioni per cominciare davvero il cammino per uscire da questo calvario” dice De Luca attraverso il sul social network in diretta video.”

“A condizione che non commettiamo errori, che non sbagliamo, che manteniamo il massimo di razionalità – raccomanda – veramente ci sono tutte le condizioni per metterci alle spalle questo anno di drammatica pesantezza per la vita di ognuno di noi”.

Dopo l’ultimo monitoraggio della cabina di regia di Iss e ministero della Salute, la Campania è stata confermata in zona rossa, ma nel suo messaggio ai campani il governatore, pur ammettendo “una situazione di contagi superiore” tiene a sottolineare “due dati che devono confortarci, perché collocano la nostra regione in una posizione importante, direi quasi all’avanguardia in Italia.”

“Abbiamo ad oggi un numero di terapie intensive occupate di 160, cioè abbiamo la metà di terapie intensive occupate rispetto a regioni che sono magari in zona arancione – spiega De Luca. Questo a conferma del fatto che c’è un lavoro di contenimento rispetto all’epidemia. Il secondo dato che misura la gravità del problema è quello dei decessi per Covid: siamo credo a 5.400 decessi, 6 volte in meno della Lombardia, la metà dei decessi del Veneto, dell’Emilia, del Piemonte“.

Per De Luca questi numeri testimoniano la buona tenuta del sistema sanitario nella Regione anche a confronto con le altre realtà nel resto del Paese. “Questi dati ci devono confortare e, per un altro verso, ci devono inorgoglire: ricordiamo ad amici di altre parti d’Italia che questi risultati sono stati ottenuti con 15mila dipendenti in meno rispetto a regioni come l’Emilia o il Veneto” rivendica il presidente.

Il governatore è infine tornato a reclamare più dosi per la campagna vaccinale in Campania, che lamenta essere rifornita con meno vaccini in proporzione alla popolazione rispetto alle altre Regioni: “Chiediamo al commissario di fare anche un’altra operazione di trasparenza: pubblicare i dati dei vaccini consegnati in tutta Italia, ma spiegare anche quali vaccini sono stati consegnati”, è l’appello rivolto al generale Francesco Figliuolo.

“Ora che abbiamo la disponibilità dei medici di famiglia, degli odontoiatri e degli specializzandi – afferma ancora De Luca – abbiamo la possibilità e dunque il dovere di puntare a fare 70mila vaccinazioni al giorno, il che significa arrivare a oltre 2 milioni di vaccinati al mese. Questo significa che per l’estate, massimo inizio autunno, completiamo l’immunizzazione a tutti i cittadini campani vaccinabili. Per fine estate usciamo dal calvario e possiamo tornare alla vita normale. Dobbiamo farcela.”

VirgilioNotizie | 02-04-2021 22:00

Covid, cosa si può fare da oggi a dopo Pasqua: il calendario Fonte foto: ANSA
Covid, cosa si può fare da oggi a dopo Pasqua: il calendario
,,,,,,,