,,

Coronavirus, quando usare i guanti: lo spiega l'infettivologo

Claudio Mastroianni, vicepresidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit), ha spiegato quando e dove usare i guanti monouso

I guanti monouso, insieme alle mascherine, sono i dispositivi di protezione più utilizzati durante l’emergenza coronavirus e la fase 2. Ma se da un lato le opinioni degli esperti convergono verso l’efficacia delle mascherine, c’è chi invece si chiede se i guanti abbiano una qualche utilità. I guanti, infatti, se non utilizzati correttamente possono dare solo un’illusione di protezione e rivelarsi dannosi.

I guanti sono davvero utili? La risposta dell’infettivologo

Claudio Mastroianni, vice-presidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) e ordinario di malattie infettive alla Sapienza di Roma, ha affermato quanto riportato da Repubblica: “L’unico presidio di sicurezza veramente indispensabile è la mascherina chirurgica“.

“I guanti non sono indispensabili – ha precisato Mastroianni – ma servono solo in determinate situazioni e quando ci si trova in luoghi chiusi e molto affollati”.

L’uso dei guanti al ristorante

L’infettivologo fa alcuni esempi pratici: “I camerieri che devono pulire i tavoli hanno l’obbligo di mettere i guanti ma dovrebbero cambiarli se poi devono servire delle pietanze”. Poi precisa che “andrebbero sempre messi se ci sono delle lesioni sulla cute come, per esempio, un eczema”.

I guanti sui mezzi pubblici

Quando si sale su un mezzo pubblico, fa notare Mastroianni, può essere consigliabile indossare i guanti “perché le persone che hanno toccato maniglie o sedili sono tante e non possiamo sapere se tutte hanno rispettato la regola dell’igienizzazione delle mani“.

I guanti al supermercato

Mastroianni ha poi sottolineato che l’utilizzo dei guanti al supermercato è una buona abitudine da osservare: “I guanti vanno tenuti sempre anche per evitare di toccare il carrello su cui in tanti hanno appoggiato le mani prima di noi”. Tanto più perché, fa notare l’esperto, ne era consigliato l’uso per motivi igienici anche prima dell’avvento del coronavirus, ad esempio quando si tocca frutta e verdura.

In palestra meglio lavarsi bene le mani

Anche in palestra può essere utile indossarli, in quanto “le persone che si allenano sudano e respirano più affannosamente e quindi goccioline di sudore o droplets potrebbero finire sugli attrezzi”, ha evidenziato Mastroianni. Tuttavia, in questa circostanza, sarebbe “meglio lavarsi bene le mani e igienizzarle con un disinfettante”.

I guanti sono utili? Le conclusioni dell’esperto

L’esperto tira le somme: in conclusione, “i guanti non sono un dispositivo determinante come mezzo per evitare il contagio”, anche perché “dopo aver tolto i guanti bisogna lavarsi lo stesso le mani“.

La soluzione, quindi, “è portarsi dietro il gel igienizzante da usare frequentemente dopo aver toccato oggetti diversi”. Inoltre, poiché igienizzare i guanti è molto più complicato delle mascherine, Mastroianni ha incoraggiato un “uso intelligente per evitare di avere problemi di smaltimento”.

Come togliere i guanti in sicurezza

VirgilioNotizie | 29-05-2020 19:09

Fase 2, il Duomo di Milano riapre anche ai turisti Fonte foto: ANSA
Fase 2, il Duomo di Milano riapre anche ai turisti
,,,,,,,