,,

Coronavirus, in una scuola d'Italia diventa materia di studio

All'istituto onnicomprensivo Scuola Europa di Milano, il coronavirus diventa materia di studio e approfondimento, valida anche per la maturità

Il nuovo coronavirus, dopo aver stravolto le vite di milioni di italiani e causato la chiusura di scuole e attività lavorative, è arrivato a condizionare anche i programmi scolastici: come riporta l’Adnkronos, in una scuola superiore di Milano, l’istituto onnicomprensivo Scuola Europa, è stato inserito tra gli argomenti della didattica.

La materia sarà approfondita in un ciclo di dieci lezioni sulla piattaforma Zoom, col supporto di un ricercatore di Immunologia e Biologia Applicata per l’Università Statale e collaboratore dell’ospedale Luigi Sacco, il dottor Claudio Fenizia. Saranno coinvolte nel progetto tutte le classi del liceo linguistico e scientifico scienze applicate.

Il coronavirus si studia a scuola: l’obiettivo del corso

L’obiettivo del percorso è sensibilizzare i ragazzi alle tematiche che stanno vivendo sulla propria pelle, offrendo loro una chiave di lettura scientifica sulle caratteristiche del coronavirus, i sintomi, le modalità di contagio, le terapie in sperimentazione.

Tali nozioni potranno essere anche oggetto di domande durante gli esami di maturità, essendo a tutti gli effetti parte del programma scolastico.

Roberta Notarnicola e Roberta Ginese, presidi dei due licei di Scuola Europa, hanno affermato quanto riporta l’Adnkronos: “Si tratta di un approfondimento fondamentale non solo per i maturandi che porteranno scienze come materia d’esame, ma anche e soprattutto per tutti i ragazzi che si troveranno ad affrontare, nei prossimi mesi, una realtà necessariamente diversa da quella che hanno conosciuto finora. Il nostro compito è di fornire loro gli strumenti per affrontare il futuro da cittadini informati e consapevoli”.

VirgilioNotizie | 17-04-2020 16:38

Coronavirus, come funziona l'ospedale Cotugno "modello" in Europa Fonte foto: ANSA
Coronavirus, come funziona l'ospedale Cotugno "modello" in Europa
,,,,,,,