,,

Rinuncia alla Champions per il Covid: calciatore lascia Bergamo

Josip Ilicic, stella dell'Atalanta, ha lasciato Bergamo ed è tornato in Slovenia per la paura del coronavirus

“Ogni tanto lo chiamo per sapere come sta, ma adesso non mi ha risposto. Secondo me si è spaventato per la pandemia, per le sue bambine, Victoria e Sofijla: vuole essere il padre che non ha mai avuto. Tutti quei morti gli avranno ricordato la guerra, sarà sconvolto”. Queste le parole di Antonio Sivec, interprete di Josip Ilicic ai tempi del Palermo, raccolte dal Corriere della Sera. Il giocatore sloveno oggi è un tesserato dell’Atalanta, squadra di Bergamo, centro dell’epidemia in Italia. La squadra è una delle protagoniste nella Serie A che sta per terminare, ma soprattutto nella Champions League che sta per ripartire. Quasi certamente senza Ilicic.

Ilicic e la paura del Covid: le bare di Bergamo gli hanno ricordato la guerra

Quella di Josip Ilicic è una storia di guerra e di morte. Nato nel 1988 a Prijedor, in Bosnia, luogo di un terribile eccidio. Ha perso il padre a soli 7 mesi, di fatto non l’ha mai conosciuto.

Il calciatore dell’Atalanta, squadra di Bergamo, è rimasto sconvolto dalle bare trasportate dai camion dell’esercito dopo i tantissimi morti per Covid nei primi mesi dell’epidemia.

Da quando il campionato è ricominciato, infatti, ha giocato appena 181 minuti su un totale di 1080: ha sofferto durante il lockdown, schiacciato della paura del contatto.

Ilicic e il quasi ritiro dopo la morte di Astori

Nel centro sportivo dell’Atalanta, a Zingonia, lo chiamano ‘la nonna’, perché ascolta ogni malanno.

Una persona molto sensibile, a un passo dal ritiro dopo la morte di Davide Astori, suo ex compagno alla Fiorentina: “Quello che gli è successo è stato nella mia testa per giorni. Non riuscivo a dormire, ho pensato: ‘E se non mi svegliassi la mattina, e se non vedessi più la mia famiglia?'”.

Le parole dell’allenatore: “Gli siamo vicini”

Partita dopo partita, l’allenatore dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, ha sempre sottolineato l’importanza di Josip Ilicic. Anche quando non ha brillato, come in occasione dell’ultima comparsa contro la Juventus, l’11 luglio, visibilmente spento.

La società gli ha consentito di tornare in Slovenia per riprendersi. “Gli siamo vicini”, ha dichiarato Gasperini.

VIRGILIO NOTIZIE | 01-08-2020 12:59

,,,,,,,