,,

Coronavirus, Conte lancia l'ultimatum all'Europa. La decisione

I leader europei hanno definito una tabella di marcia di due settimane per contrastare l'emergenza coronavirus

Dopo una consultazione durata oltre sei ore, i leader europei hanno definito una tabella di marcia per contrastare la crisi economica dovuta al coronavirus, ponendosi il termine di due settimane per elaborare proposte su un’azione comune coordinata di bilancio.

“Prendiamo nota dei progressi fatti dall’Eurogruppo”, si legge nelle conclusioni del vertice Ue riportate dall’Ansa, insieme all’invito “a presentarci proposte entro due settimane. Queste dovrebbero tenere in considerazione la natura senza precedenti dello shock” causato dal coronavirus e “la nostra risposta deve essere rafforzata, come necessario, con azioni ulteriori in modo inclusivo alla luce degli sviluppi, per finalizzare una risposta esauriente”. Nella nota non è presente il riferimento al Mes.

Coronavirus, l’ultimatum di Conte all’Europa

Il premier Giuseppe Conte, nel corso della conference call con i leader europei, aveva dichiarato di “non accettare il draft preparato nonostante gli sherpa italiani avessero ottenuto quasi tutto, compresa l’eliminazione di qualsiasi riferimento al Mes”. Lo hanno reso noto fonti di Palazzo Chigi, citate dall’Ansa.

Conte avrebbe espresso le sue rimostranze: “Come si può pensare che siano adeguati a questo shock simmetrico strumenti elaborati in passato, costruiti per intervenire in caso di shock asimmetrici e tensioni finanziarie riguardanti singoli Paesi?”.

“Se qualcuno dovesse pensare – ha chiosato Conte – a meccanismi di protezione personalizzati elaborati in passato allora voglio dirlo chiaro: non disturbatevi, ve lo potete tenere, perché l’Italia non ne ha bisogno”.

L’ultimatum di Conte si è tradotto nel dare dieci giorni all’Europa “per battere un colpo e trovare una soluzione adeguata alla grave emergenza che tutti i Paesi stanno vivendo”. Il premier ha poi lanciato una proposta: istituire una sorta di gruppo di lavoro formato da “cinque” capi di stato o di governo europei per la formulazione di un piano di risposta comune.

Durante la conference call, Conte ha sottolineato: “Qui si tratta di reagire con strumenti finanziari innovativi e realmente adeguati a reagire a una guerra che dobbiamo combattere insieme per vincerla quanto più rapidamente possibile”.

Che diremo ai nostri cittadini – ha poi domandato Conte – se l’Europa non si dimostra capace di una reazione unitaria, forte e coesa di fronte a uno shock imprevedibile e simmetrico di questa portata epocale?”.

VIRGILIO NOTIZIE | 26-03-2020 22:40

Coronavirus, deputati a distanza con guanti e mascherina Fonte foto: ANSA
Coronavirus, deputati a distanza con guanti e mascherina
,,,,,,,