,,

Coronavirus, Azzolina: prorogata la chiusura delle scuole

La ministra della Scuola ha fatto chiarezza sulla proroga dell'anno scolastico fino a luglio e sui cambiamenti per l'Esame di Stato

La ministra Lucia Azzolina ha suggerito in un intervento televisivo che la chiusura delle scuole slitterà oltre la data prevista nel Dpcm contenente le misure di contenimento previste dal Governo per affrontare l’emergenza coronavirus in Italia. “Sicuramente ci sarà una proroga. Si andrà oltre la data del 3 aprile“.

“L’obiettivo è garantire che gli studenti ritornino a scuola quando stracerto e strasicuro che possono tornare. La salute è prioritaria“, ha dichiarato a La vita in diretta.

Coronavirus, lezioni anche a Luglio: la smentita di Azzolina

Tuttavia non dovrebbero preoccupare studenti e famiglie le voci sul recupero a luglio delle giornate di lezione perse. “Notizie sulla didattica a distanza a luglio non hanno alcun fondamento. Significherebbe dire che il personale della scuola non sta lavorando, e non è così. Se la didattica a distanza funziona come sta funzionando non c’è alcun motivo per andare a luglio o agosto. Le strutture scolastiche non sono idonee, tra l’altro”.

“Se ci sarà necessità lo si farà in un secondo momento. Scenari troppo oltre sono irresponsabili, bisogna guardare gli scenari attuali e poi assumere decisioni“, ha sottolineato la ministra Lucia Azzolina, intervenuta in videochiamata nel programma condotto dal giornalista Alberto Matano e da Lorella Cuccarini.

Coronavirus, parla Azzolina: “La didattica a distanza funziona”

“Didattica a distanza non è solo trasmettere conoscenze. Gli insegnanti sono punti di riferimento eccezionali. Stanno facendo un lavoro titanico. Soprattutto in territori come Bergamo e in tutta la Lombardia, nel Veneto e in Emilia Romagna, gli insegnanti stanno vicini agli studenti dando loro conforto“, ha spiegato.

“La scuola è un presidio dello Stato. Rappresenta in molti momenti la parte più sana della giornata. I ragazzi riacquistano il sorriso. La didattica a distanza rappresenta per ora soprattutto questo”, ha ribadito la ministra.

Coronavirus, ammissione all’esame con il 5: la smentita

Riguardo l’ammissione alle prove d’esame e all’anno successivo anche con il 5, Lucia Azzolina ha dichiarato: “Io non ho mai detto nulla del genere. Invito tutti a seguire le fonti ufficiali”.

“I nostri insegnanti stanno lavorando tantissimo, più ancora di quanto facevano in classe, in una situazione complessa. Anche perché la rete non funziona bene e c’è il problema del digital divide. Anche le famiglie stanno facendo un lavoro enorme. Se abbiamo tantissima parte di scuola che sta lavorando come si deve, non ho motivo di dire se ci sarà il 5 o il 6. Le valutazioni le fa il personale docente in piena autonomia“.

Coronavirus, cambia la maturità: solo commissari interni

Lucia Azzolina nella sua informativa al Senato e in un post su Facebook aveva anticipato alcuni cambiamenti per gli esami di maturità. “Sugli Esami di Stato serve buon senso. Sono convinta che la soluzione migliore sia quella di avere una commissione esaminatrice formata da soli membri interni, più un presidente esterno. Solo per quest’anno quindi, a parte il presidente che resta esterno, proporrò una commissione di sei commissari tutti interni, invece di averne tre interni e tre esterni”.

“Così facendo i professori che in queste settimane stanno seguendo i ragazzi potranno valutare gli esiti delle prove con la piena consapevolezza della preparazione effettivamente svolta”, aveva spiegato sul social.

“Allo stesso tempo un presidente esterno si potrà fare garante della regolarità dell’intero percorso d’esame. È una situazione molto difficile per tutti, per i maturandi in particolare. A loro dico: vi aggiornerò sui provvedimenti che decideremo di prendere. Tutta la scuola è con voi, non siete soli“, aveva concluso la ministra della Scuola su Facebook.

Ai microfoni de La vita in diretta ha rassicurato che quella dei membri interni “è la prima decisione presa. Serve a tranquillizzare gli studenti. Il Ministero sta lavorando a un Esame di Stato che tenga conto del lavoro che i ragazzi stanno facendo, senza alcuna penalizzazione rispetto al periodo drammatico che l’Italia sta vivendo” a causa della pandemia di coronavirus.

Coronavirus, Azzolina: “Presto nuove informazioni sugli esami”

“Avere i loro docenti significa dare loro ulteriori garanzie. Questa è una prima cosa, nel giro di pochi giorni daremo tutte le altre informazioni in merito agli Esami di Stato e di terza media”, ha spiegato.

“Il percorso di uno studente è lungo. Se parliamo dei maturandi è iniziato 5 anni fa. I docenti sanno valutare gli apprendimenti degli studenti, e non si misurano solo in poche settimane. Non è che se un ragazzo perde alcune settimane di scuola non si sa più come valutarlo”, ha concluso la ministra in videochiamata su Rai 1.

VIRGILIO NOTIZIE | 27-03-2020 15:38

I personaggi famosi risultati positivi al coronavirus Fonte foto: Ansa
I personaggi famosi risultati positivi al coronavirus
,,,,,,,