,,

Conte bis, guerra aperta sui sottosegretari: i possibili nomi

Si tirano le somme sui nomi dei sottosegretari. Grande indecisione tra i grillini

Si tirano le somme sui nomi dei sottosegretari. Dopo aver incassato la fiducia alla Camera e al Senato, il Conte bis si approssima al completamento della squadra di governo con le nomine degli assistenti dei ministri. Da Palazzo Chigi, come riporta Il Messaggero, è stato reso noto: “Di sicuro giovedì ci sarà il consiglio dei ministri, per i sottosegretari vediamo e aspettiamo”.

Giunge il commento del Pd: “Attendiamo i metodi democratici del M5S: noi ci siamo”. Tra i grillini, infatti, sarebbe in corso una faida per la rosa dei nomi da proporre per i ruoli di sottosegretari. Intanto, il premier Conte sollecita: “Faremo il prima possibile”.

Dopo le indiscrezioni sul ritorno di Elisabetta Trenta, eventuale sottosegretario al Viminale, circolano voci sul destino di Roberto Chieppa: a quanto pare, il segretario generale non affiancherà Riccardo Fraccaro, che rimarrà l’unico sottosegretario a Palazzo Chigi. Ma l’esponente M5s ha rassicurato Conte e il Pd che svolgerà il suo compito con imparzialità.

L’unico nome certo, come riporta Il Messaggero, sembra essere quello di Simone Valente allo Sport. Sulle altre posizioni, lo scontro è ancora aperto. Al Mef si punta sui nomi di Antonio Misiani (Pd), Laura Castelli o Stefano Buffagni (entrambi M5s). Barbara Lezzi, ministro per il Sud uscente, potrebbe ottenere la carica di viceministro al Lavoro. Danilo Toninelli, altro big del precedente governo Conte, si sarebbe risentito di non essere stato avvisato della mancata riconferma alla nomina di ministro dei Trasporti, e ora avrebbe rifiutato una nuova nomina come sottosegretario.

In una nota congiunta, Marta Grande, Filippo Gallinella, Carla Ruocco, Giuseppe Brescia, Marialucia Lorefice, Gianluca Rizzo e Luigi Gallo ammoniscono: “Il Movimento non è un ufficio di collocamento“.

Altri nomi possibili per il M5s sono quelli di Pierpaolo Sileri alla Sanità, Gianluca Gaetti all’Interno, Francesco D’Uva alla Cultura. Sul fronte del Pd aleggia il nome di Luigi Marattin a un ministero economico, Gian Paolo Manzella all’Energia, Roberto Morassut agli Enti locali, Lia Quartapelle agli Esteri. Ai grillini spetterebbero tra i 22 e i 23 sottosegretari, al Pd tra i 17 e i 18, a Leu 1 o forse 2, per un totale di 42.

VIRGILIO NOTIZIE | 11-09-2019 11:11

Conte bis, tutti i ministri Fonte foto: ANSA
Conte bis, tutti i ministri
,,,,,,,