,,

Chi è Cassese, il candidato presidente della Repubblica di Salvini che criticò il leghista e Giuseppe Conte

Giudice emerito della Corte Costituzionale, editorialista, docente universitario e saggista, potrebbe essere un nome gradito a tutti gli schieramenti

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Bisogna raggiungere solo 505 voti, oggi, per eleggere il presidente della Repubblica. Siamo infatti arrivati al quarto scrutinio, e ora basta la maggioranza assoluta del 51% dei grandi elettori per avere un nuovo capo di Stato. Con i partiti che ancora contrattano candidature, è spuntato un nuovo nome tre le fila del centrodestra. Matteo Salvini lo avrebbe già incontrato, anche se fonti vicine alla Lega hanno smentito queste voci. Si tratta del giurista Sabino Cassese, che è stato anche minsitro ed è noto per aver criticato aspramente anche Giuseppe Conte, ma anche lo stesso segretario del Carroccio, in più occasioni.

Chi è Sabino Cassese: il lungo curriculum da giudice, docente e ministro

È un curriculum di tutto rispetto quello di Sabino Cassese, classe ’35 (ha 86 anni compiuti a ottobre), giurista e docente universitario per oltre 40 anni. L’ultima cattedra a La Sapienza, quella di diritto amministrativo nella facoltà di Giurisprudenza, fino alla sua nomina come giudice della Corte costituzionale nel 2005. Sabino Cassese è stato inoltre presidente dello European Group of Public Administration, e ha collaborato con l’Ocse alla riforma delle Pubbliche amministrazioni europee.

Ha firmato e curato numerosi manuali universitari ed è il direttore della Rivista trimestrale di diritto pubblico e del Giornale di diritto amministrativo. Inoltre è membro del comitato di direzione scientifica de Il Riformista – Economia, settimanale diretto da Renato Brunetta. Al politico forzista è legato anche per via dell’esperienza come ministro della Funzione pubblica, come era noto all’epoca il ministro della Pubblica amministrazione. Ha ricoperto l’incarico nel governo Ciampi, dal 28 aprile 1993 al 10 maggio 1994, senza la tessera di alcun partito.

Chi è Cassese, tra i candidati del centrosinistra nel 2013 e oggi voluto dalla Lega

Il nome di Sabino Cassese aveva iniziato a circolare per le elezioni presidenziali del 2013, quando fu eletto per la seconda volta Giorgio Napolitano, a cui tra l’altro il giurista è sempre stato vicino. All’epoca il suo nome circolava tra le fila del Pd ed era associato al segretario uscente, e oggi in corsa per il Colle, Pier Luigi Bersani.

Volto noto della tv ed editorialista sul Corriere della Sera, tra gli altri, Sabino Cassese ha più volte bacchettato a mezzo stampa i politici italiani. Iniziando proprio da quel Matteo Salvini che oggi lo starebbe corteggiando per il Quirinale, e che lo avrebbe inserito nella rosa dei candidati di centrodestra, insieme ad altri nomi che invece sarebbero molto meno graditi dal centrosinistra.

Chi è Sabino Cassese, le dure critiche a Matteo Salvini per il 25 aprile

Nel 2019, quanto il leader leghista parlava di un 25 aprile alternativo da festeggiare con le forze dell’ordine, il giurista sottolineò che un atteggiamento simile, “grave” e “riduttivo” nei confronti della Resistenza al nazifascismo, poneva il politico “fuori dalla legalità costituzionale“.

E sul Foglio, con la crisi di governo innescata dal Papeete, Sabino Cassese rincarava la dose scrivedno: “Possibile che un uomo che è in politica faccia un errore di calcolo così grossolano? Si è messo da solo nelle condizioni di farsi disarcionare”. E, ancora, a gennaio 2020, ospite a L’aria che tira su La 7, commentava che Matteo Salvini “non cerca mai di articolare il suo pensiero. Il suo pensiero è fatto semplicemente di slogan, battuti e ribattuti”.

Chi è Cassese, il candidato presidente della Repubblica di Salvini che criticò il leghista e Giuseppe ConteFonte foto: ANSA
Il giurista Sabino Cassese, 86 anni, durante una conferenza.

Chi è Sabino Cassese, le dure critiche a Giuseppe Conte per i Dpcm

Di tutto un altro stampo le critiche mosse invece a Giuseppe Conte per la gestione della pandemia di Covid e sull’uso del Dpcm per varare le misure per limitare i contagi. Sabino Cassese ha sottolineato a più riprese, su vari giornali, che il dispositivo più corretto sarebbe dovuto essere il decreto legge da far convertire al Parlamento, e ricorrere agli atti amministrativi come il Dpr.

Duro poi il paragone con Viktor Orbán, associato a Giuseppe Conte per via dell’utilizzo dello stato di emergenza senza termine. Tutti argomenti su cui il papabile futuro presidente non ha però riproposto con il governo Draghi. Sulla costituzionalità dell’azione del premier pentastellato, comunque, si è anche espressa positivamente la Consulta.

Elezioni Presidente della Repubblica, Draghi al Quirinale? I nomi per il nuovo Presidente del Consiglio Fonte foto: ANSA
Elezioni Presidente della Repubblica, Draghi al Quirinale? I nomi per il nuovo Presidente del Consiglio
,,,,,,,