,,

Cerca di far spostare dei nomadi, aggredito un sindaco

È avvenuto a Caerano San Marco, nel Trevigiano. La solidarietà del presidente del Veneto Luca Zaia

Il sindaco di Caerano San Marco, paese di 8mila abitanti in provincia di Treviso, Gianni Precoma, ha denunciato di essere stato aggredito da alcuni nomadi e costretto a rivolgersi alle cure del pronto soccorso.

L’episodio, secondo quanto riporta Il Gazzettino, è avvenuto venerdì sera in una via del paese dove il primo cittadino era andato da solo, senza il supporto della polizia locale, per cercare di far spostare una famiglia nomade di tre persone che da giorni sostava lì abusivamente con il camper. Precoma ha riportato diversi lividi al volto: è stato soccorso da un’ambulanza e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Montebelluna, da dove è stato dimesso ieri sera con una prognosi di cinque giorni.

La dinamica dell’incontro e dell’aggressione resta ancora da chiarire. Il sindaco verrà ascoltato nelle prossime ore dai carabinieri. Da quanto ricostruito finora il sindaco è stato colpito solo da uno dei tre nomadi. Al comando di Montebelluna non risulta che sia stata avanzata da Caerano la richiesta di assistenza, come accade normalmente in caso di indisponibilità della Polizia municipale. La famiglia coinvolta nel fatto si muove da anni fra alcuni comuni della zona e viene supportata occasionalmente dai servizi sociali e dalla Caritas.

“È allucinante che un sindaco di quelli che ama la propria terra, intervenuto soltanto per far osservare leggi e regolamenti, venga pestato brutalmente a sangue. Solidarietà assoluta e fraterna al sindaco Gianni Precoma, ‘colpevole’ di aver fatto il bravo amministratore”. È il commento, affidato a un tweet, del presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

 

VIRGILIO NOTIZIE | 11-08-2019 15:46

precoma Fonte foto: Facebook
,,,,,,,