,,

Aumento contagi Covid, bimbi non vaccinati e previsioni: il punto

Aumento contagi Covid, proiezioni e previsioni per le prossime settimane: l'epidemiologa Salmaso fa il punto

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Tornano a salire i contagi Covid in Italia. A spiegare le cause dell’aumento è Stefania Salmaso, epidemiologa e direttore reparto malattie infettive, Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica (Istituto Superiore di Sanità). Secondo l’esperta il trend non è dovuto soltanto “all’effetto dell’aumento dei tamponi per il rilascio del Green pass”. A incidere maggiormente nella diffusione, sarebbe la circolazione del virus “fra i giovanissimi di 6-13 anni e fra gli ultra novantenni”.

Salmaso, raggiunta dal Corriere della Sera, rileva che da “lunedì 18 ottobre, giorno in cui sono stati notificati 1597 casi, c’è stata una crescita continua pur con le ben note variazioni infrasettimanali, fino al valore del 27 ottobre, 4598. La crescita dell’incidenza è del 43%”. Le proiezioni indicano che nei prossimi giorni la crescita proseguirà a livello nazionale con un superamento della soglia di incidenza di 50 casi per 100.000, già dalla prossima settimana.

“Un aumento di diagnosi – ragiona l’epidemiologa – era atteso per effetto del maggior numero di accertamenti dovuto alla richiesta di tamponi per il rilascio del green pass nei luoghi di lavoro, ma i dati da noi raccolti indicano un incremento consistente dei tassi di incidenza in diverse fasce di età, non lavorative. In alcune regioni l’incremento è soprattutto tra i giovanissimi (6-13 anni) non vaccinati e tra gli ultra novantenni”.

Capitolo decessi e ricoveri che, al momento, non presentano impennate, a differenza dei contagi. Salmaso spiega che i morti, secondo i numeri diffusi quotidianamente nel bollettino, presentano “variazioni molto ampie che non mettono in evidenza un andamento consolidato”. “Sia i ricoveri che i decessi – prosegue – si riferiscono però a casi diagnosticati almeno due settimane prima e quindi precedenti l’incremento di circolazione virale. I casi fra i più giovani comportano tassi di ospedalizzazione minore che negli adulti”.

In Gran Bretagna c’è un’esplosione di casi: cosa sta succedendo? Per Salmaso c’è che sta capitando nel Regno Unito è un “esempio abbastanza illuminante: la vaccinazione da sola non basta ad arginare i contagi, ed è necessario mantener le precauzioni individuali per ridurre le esposizioni al virus. Ogni giorno dobbiamo calibrare i nostri comportamenti in modo consapevole”.

Quindi, nonostante la campagna vaccinale abbia ormai coperto la stragrande maggioranza della popolazione, “mascherina e rispetto del distanziamento restano fondamentali. In Italia – sottolinea l’esperta – mi sembra che la stragrande maggioranza della popolazione lo abbia ben presente”.

Vaccino Covid, terza dose: quando potrebbe essere estesa a tutti Fonte foto: ANSA
Vaccino Covid, terza dose: quando potrebbe essere estesa a tutti
,,,,,,,