,,

Esplode ordigno, 3 militari gravi: dinamica dell'attentato

I militari italiani sono rimasti coinvolti nell'esplosione di un ordigno, tre sono in gravi condizioni

Un attentato esplosivo ha coinvolto un team misto di Forze speciali italiane in Iraq. Secondo fonti della Difesa riportate da Ansa, a rimanere feriti sono stati cinque militari, tre di loro in gravi condizioni.

I cinque militari coinvolti dall’esplosione sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri USA facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale “Role 3” dove stanno ricevendo le cure del caso. Le famiglie dei militari sono state informate. I militari, secondo le ricostruzioni, stavano rientrando da una missione a piedi, condotta insieme alle forze di sicurezza irachene che stanno addestrando, quando sono rimasti coinvolti nell’esplosione di un Ied, un ordigno esplosivo rudimentale.

Attentato in Iraq: la diretta

19.51 – A Kirkuk,  l’area dove è avvenuto l’attentato ai militari italiani, gli organismi di intelligence segnalano un incremento dell’attività terroristica con oltre 30 attacchi dell’Isis compiuti nella prima metà di ottobre. Attacchi compiuti con azioni di fuoco o ordigni improvvisati diretti prevalentemente contro le forze di sicurezza irachene.

18.23 – L’attentato in Iraq ai militari italiani è “il rischio” che corre chi “opera sul campo”: perché l’addestramento “non si fa in una caserma ma sul terreno”. Lo dice il generale Marco Bartolini, ex comandante della Folgore e del contingente italiano in Afghanistan ma soprattutto ex capo delle forze speciali italiane. “I militari che operano sul campo sono persone preparate, che sanno quello che fanno e lo fanno con passione – dice il generale – Ma in quelle situazioni, e soprattutto contro gli Ied, non esiste una contromisura che garantisca la sicurezza assoluta”.

17.55 – L’attentato contro i militari italiani – secondo quanto appreso dall’ANSA – è avvenuto intorno alle 11 locali, nella zona di Suleymania, nel Kurdistan iracheno. Ad essere coinvolti sono stati i commandos della task force presente in quell’area, che stava svolgendo un’attività di supporto ad una unità di forze speciali dei Peshmerga. I cinque feriti, sempre secondo quanto è stato possibile apprendere, sono tre incursori della Marina (appartenenti al Goi, il Gruppo operativo incursori) e due dell’Esercito (9/o Col Moschin).

17.53 – “Esprimo tutta la mia vicinanza ai cinque militari delle Forze Speciali italiane, i nostri “portatori di pace” rimasti feriti in una esplosione in Iraq. Con grande dolore ho appreso delle gravi condizioni in cui versano in particolare tre di loro, ai quali rivolgo un pensiero commosso, nella speranza che presto possano tornare a casa dai loro cari”. Lo dichiara il Presidente del Senato Elisabetta Casellati.

17.51 – Secondo quanto appreso da Ansa i tre militari sono tutti in prognosi riservata ed attualmente ricoverati in un ospedale militare a Baghdad. Dei tre il più grave ha riportato un’emorragia interna; un altro ha perso alcune dita di un piede e il terzo ha gravissime lesioni a entrambe le gambe, che sono state parzialmente amputate. Gli altri due militari coinvolti nell’esplosione, invece, hanno riportato solo micro fratture e lesioni minori.

17.48 – “Solidarietà e vicinanza ai nostri soldati colpiti da un vile attentato in Iraq. A loro e agli altri militari italiani impegnati nelle missioni all’estero giunga sempre forte e unitario il sostegno, delle istituzioni, della politica e di tutto il Paese”. Lo scrive su Twitter Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia.

17.44 – Secondo quanto reso noto da Palazzo Chigi “il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato informato tempestivamente dal Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, in merito all’attentato che ha coinvolto questa mattina cinque militari italiani in Iraq. È stato aggiornato sulle loro condizioni di salute e continua a seguire costantemente e con attenzione la situazione”. Nella nota diramata da Palazzo Chigi è stato reso noto che “il Presidente Conte esprime vicinanza ai militari feriti, che stanno ricevendo in queste ore le cure mediche, e alle loro famiglie”.

17.42 – “Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, appresa la notizia del gravissimo attentato contro il contingente militare italiano in Iraq, ha fatto pervenire al Ministro della Difesa, on. Lorenzo Guerini, e al capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Enzo Vecciarelli, un messaggio di solidarietà per i militari rimasti feriti.” Lo comunica la presidenza della Repubblica.

17.35 – La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine per attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime in relazione al ferimento di 5 soldati italiani avvenuto oggi in Iraq. Le indagini sono state affidate dal pm Sergio Colaiocco ai carabinieri del Ros.

17.30 – Il leader della Lega Matteo Salvini, su Twitter, ha scritto: “Vicino ai nostri militari colpiti vigliaccamente in Iraq, alle loro famiglie e a tutti i nostri soldati nel mondo. Combattere il terrorismo islamico ovunque, in Italia e nel mondo, resta una priorità”.

17.26 – I militari rimasti feriti in Iraq sono impegnati nella missione “Prima Parthica/Inherent Resolve”, operazione della coalizione multinazionale contro lo Stato Islamico in Siria e in Iraq cui partecipano 79 paesi e 5 Organizzazioni internazionali. Secondo quanto riportato dall’Ansa il contributo italiano alla missione, iniziata il 14 ottobre 2014, prevede un impiego massimo di 1.100 militari, 305 mezzi terrestri e 12 mezzi aerei. La missione inoltre prevede l’addestramento delle forze di sicurezza curde ed irachene, la ricognizione aerea con i droni e l’attività di rifornimento carburante in volo per i velivoli della coalizione.

17.24 – Come reso noto dall’Ansa l’ultimo attentato contro i militari italiani impegnati nelle missioni all’estero è dello scorso 30 settembre in Somalia e anche in quell’occasione è stato uno Ied, un ordigno esplosivo artigianale, a colpire i nostri soldati.

17.12 – Secondo quanto appreso da Adnkronos tra i militari feriti due sono effettivi al nono reggimento Col Moschin dell’Esercito e tre appartengono al Gruppo operativo incursori Comsubin della Marina militare.

17.03 – L’Esercito, tramite un tweet, ha fatto sapere che “il Capo di Stato maggiore, il generale Salvatore Farina, a nome della Forza armata, esprime vicinanza e sostegno ai feriti e alle loro famiglie”.

16.59 – “Seguiamo con apprensione le preoccupanti notizie che arrivano dall’Iraq, dove 5 militari italiani impiegati in attività di addestramento in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis sono rimasti feriti in un attentato esplosivo. Ci stringiamo ai feriti, alle loro famiglie e all’Esercito Italiano”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

16.53 – Su Twitter Elio Vito, vice capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, ha commentato così l’attentato: “Apprensione per i Militari italiani feriti nell’esplosione, vicinanza a loro ed alle loro famiglie. Solidarietà alle nostre Forze Armate”.

16.51 –  “Un pensiero per i nostri cinque soldati colpiti in un attentato in Iraq ed alle loro famiglie. Tutta l’Italia si stringe intorno a loro”. Così Matteo Renzi su twitter.

16.50 –  Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, su Facebook, ha scritto: “Sto seguendo con dolore e apprensione quel che è accaduto in Iraq ai nostri militari, coinvolti in un attentato. I nostri ragazzi erano impiegati in attività di formazione delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis. In questi casi il primo pensiero va ai soldati colpiti, alle loro famiglie e a tutti i nostri uomini e donne in uniforme che ogni giorno rischiano la vita per garantire la nostra sicurezza. Seguiamo con attenzione ogni sviluppo”.

16.41 –  I tre militari italiani in gravi condizioni hanno tutti riportato serie lesioni alle gambe: per uno, secondo quanto si è appreso, è stato necessario ricorrere ad una amputazione parziale di una gamba. L’ordigno rudimentale li avrebbe colpiti durante una missione a piedi, condotta insieme alle forze di sicurezza irachene che stanno addestrando.

16.38 – Contattato dall’Ansa Bruno Antonio Pasquino, ambasciatore italiano a Baghdad, ha sottolineato che nessuno dei cinque militari italiani feriti è in pericolo di vita. L’ambasciatore ha appreso la notizia dai medici che hanno in cura i militari feriti.

16.34 – Anche la capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati Mariastella Gelmini, sui social, si è detta preoccupata per quanto successo in Iraq: “Seguo con apprensione le notizie che stanno arrivando dall’Iraq. Sono vicina ai militari feriti e alle loro famiglie. Forza ragazzi!”.

16.32 –  “Siamo vicini ai militari italiani feriti oggi in Iraq e alle loro famiglie, ci auguriamo una pronta guarigione loro e degli altri militari del contingente misto colpiti dall’ordigno”. Lo dichiara il deputato dem Emanuele Fiano, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

16.13 – Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini sta seguendo “con attenzione e apprensione” gli sviluppi dell’attentato avvenuto in Iraq. Il ministro, subito messo al corrente della situazione dal capo di Stato maggiore della Difesa, ha immediatamente informato il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente del Consiglio Conte. Il ministro, viene sottolineato alla Difesa, “in queste ore di preoccupazione, esprime la più profonda vicinanza alle famiglie e ai colleghi dei militari coinvolti”.

16.10 – L’attentato, riferisce lo Stato maggiore della Difesa, è avvenuto in mattina quando un Ied, un ordigno esplosivo rudimentale, è detonato al passaggio di un team misto di Forze speciali italiane nei pressi di Kirkuk. Il team stava svolgendo attività di addestramento (“mentoring and training”) in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis.

VIRGILIO NOTIZIE | 10-11-2019 16:19

Attentato a militari italiani in Iraq, reazioni dei politici Fonte foto: Ansa
Attentato a militari italiani in Iraq, reazioni dei politici
,,,,,,,