,,

AstraZeneca, stop in Italia: i virologi pro e quelli contro

La decisione dell'Aifa ha colto tutti di sorpresa, virologi compresi: chi è a favore e chi è contrario alla sospensione del vaccino AstraZeneca

La notizia della sospensione delle somministrazioni del vaccino AstraZeneca da parte dell’Agenzia italiana del farmaco, in attesa che l’Ema si pronunci nettamente sulla sicurezza del prodotto, ha diviso la comunità scientifica. C’è chi si dice d’accordo con la scelta dell’Aifa, ma ci sono anche virologi che criticano la decisione.

AstraZeneca, arriva lo stop in Italia: i virologi a favore della decisione dell’Aifa

Interpellato dall’Adnkronos, Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano, si è detto favorevole alla sospensione del vaccino AstraZeneca decisa dall’Aifa “perché in questi casi le mezze misure possono alimentare agitazione soprattutto nei vaccinandi”.

“A bocce ferme potrà essere fatta una valutazione più serena – ha aggiunto -, lo stop va visto come una necessità. Se più nazioni cominciano a sospenderlo, è bene mantenere una linea comune”.

Pregliasco ha comunque aggiunto che “in questo momento” il legame tra gli eventi gravi segnalati e la vaccinazione “resta temporale, non causale“.

Gli fa eco Antonella Viola, immunologa e ordinaria di Patologia generale presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova.

Non posso che condividere la posizione di Aifa – ha scritto su Facebook -: bloccare le vaccinazioni con AstraZeneca è una misura precauzionale che serve a fare chiarezza e a far sapere ai cittadini che per il governo la sicurezza dei vaccini è essenziale. Aspettiamo fiduciosi le analisi e i dati, pronti a ricominciare appena non ci saranno più dubbi”.

AstraZeneca, arriva lo stop in Italia: i virologi contrari alla decisione dell’Aifa

Contro la decisione dell’Aifa, Massimo Galli. Il direttore del dipartimento di malattie infettive del Sacco di Milano ha dichiarato all’agenzia Lapresse che è “prevalso un principio di precauzione che farà molti danni alla campagna vaccinale”.

“Sperare che le persone aderiscano alla campagna dopo questi tira e molla – ha aggiunto – è assurdo“.

Sulla stessa lunghezza d’onda Matteo Bassetti, direttore del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova: “Sono molto preoccupato, così i cittadini perderanno la fiducia nelle istituzioni“.

“Ci vogliono calma, sangue freddo e scientificità – ha concluso -: i fatti ci dicono una cosa e la pancia, le paure, ce ne dicono un’altra”.

AstraZeneca, arriva lo stop in Italia: la posizione dell’Aifa

Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, ha spiegato ai microfoni di Radio Capital che il motivo che ha portato l’agenzia a sospendere in tutta Italia l’utilizzo del vaccino AstraZeneca è dovuto al fatto che alcuni Paesi europei, tra cui Germania e Francia, hanno preferito fermarsi in presenza di alcuni recentissimi e pochissimi casi di eventi avversi in donne e giovani. Ciò ha suggerito uno stop di verifiche prima di ripartire”.

“A giorni attendiamo l’Ema – ha aggiunto – e poi vedremo meglio i numeri che saranno analizzati nei prossimi giorni. Chi ha già fatto il vaccino può e deve restare sicuro: è una misura precauzionale“.

VirgilioNotizie | 15-03-2021 17:42

AstraZeneca, stop in Italia: i virologi pro e quelli contro Fonte foto: ANSA
AstraZeneca, stop in Italia: i virologi pro e quelli contro
,,,,,,,