,,

Willy, attacco della Ferragni: "Il problema? La cultura fascista"

"Il problema è la cultura fascista", condivide l'influencer Chiara Ferragni, intervenuta sull'omicidio di Willy Monteiro Duarte. Ma non è l'unica vip

In fin dei conti cos’hanno fatto? Niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario“. Queste sarebbero le parole pronunciate da un familiare di uno degli arrestati per l’omicidio del 21enne Willy Monteiro a Colleferro, ascoltate da un testimone e riportate alle forze dell’ordine. Parole che hanno spinto Chiara Ferragni e Fedez a pubblicare dei messaggi sui loro account Instragram: “Dove andremo a finire?”, si domanda l’influencer, condividendo nelle sue stories un commento del marito a un articolo che si riferisce alla presunta frase razzista nei confronti di Willy. “Condoglianze alla famiglia – aggiunge la Ferragni -, mi spiace che oltre alla sofferenza dobbiate subire anche queste cose“.

Willy, ucciso a Colleferro: il messaggio condiviso dalla Ferragni

Qualche storia più tardi, Chiara Ferragni condivide poi con i 20 milioni di follower una spiegazione di quanto accaduto, pubblicata dal popolare profilo Instagram ‘spaghettipolitics‘, che spiega le notizie principali del nostro Paese in italiano e in inglese.

“Due giorni fa è stato ucciso Willy Monteiro, italiano 21enne dalla pelle nera – si legge da un gruppi di quattro fasci che l’hanno ammazzato a calci“.

“Il problema – prosegue il post condiviso dalla Ferragni – lo risolvi cambiando e cancellando la cultura fascista e sempre resistente in questo Paese, non cancellando il mezzo tramite il cui i fasci hanno fatto violenza. Il problema non lo risolvi nascondendolo sotto al tappeto, lo si risolve con la cultura e l’istruzione“.

Willy, ucciso a Colleferro: i messaggi dei vip

Oltre a Chiara Ferragni e a Ghali, un pensiero per Willy e per la sua famiglia è arrivato anche da altri personaggi noti, colpiti dalla morte del 21enne.

In un post su Instagram, la cantante Emma Marrone ha espresso preoccupazione per “un Paese che sta soccombendo ad un livello culturale davvero molto basso”, aggiungendo che “l’ignoranza crea la violenza”.

Anche un’altra cantante, Levante, come la Ferragni sottolinea la frase ‘hanno solo ucciso un extracomunitario’: “Se è stato realmente detto, questa non è solo una storia di violenza”.

Quindi l’ex calciatore della Juventus e della Nazionale, Claudio Marchisio: “Non basta desiderare un mondo migliore, ma bisogna agire per ottenerlo. Willy Monteiro sa cosa vuol dire coraggio, è un eroe. Non chiamatela rissa finita male, chiamatelo omicidio. Non chiamateli sbandati, ma assassini”.

Infine, il cantante di origini albanesi, Ermal Meta. In una lunga lettera immagina l’arrivo di Monteiro in paradiso: “Probabilmente ti occuperai dei bambini scomparsi in mare, di quelli che sono stati perennemente invisibili, di quelli che come te cercavano di farcela in questo mondo pericoloso. La miseria è come le erbacce. Se non ce ne curiamo alla fine crescerà così tanto da tirarci le travi dei soffitti sulla testa, seppellendoci abbracciati alla nostra finta sicurezza. Abbi cura di te Willy e non avere paura: òì dove sei tu non è mai buio e nessuno può spegnere i lampioni”.

VIRGILIO NOTIZIE | 09-09-2020 12:01

assassinio-willy-ferragni-instagram-cultura-fascista Fonte foto: Ansa
,,,,,,,