,,

Arrestati dodici capi ultrà della Juve per estorsioni e violenze

Più di quaranta persone indagate, controlli in tutta Italia. Tra le accuse, associazione a delinquere ed estorsione

I principali capi ultrà della Juventus sono stati arrestati in un’indagine della Digos di Torino. L’operazione “Last banner” è scattata questa mattina all’alba e ha fatto finire in manette dodici tra i capi dei “Drughi”, dei “Tradizione”, dei “Viking” e del “Nucleo 1985”.

I capi dei gruppi, come riporta Repubblica, avrebbero costituito un’associazione a delinquere per ricattare esponenti della Juventus così da avere biglietti agevolati per le partite all’Allianz Stadium e gestirne il bagarinaggio. Le accuse sono, a vario titolo, associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata.

Tra gli arrestati, il capo dei Drughi Dino Mocciola era già finito in carcere all’inizio degli anni Novanta per aver ucciso durante una rapina un carabiniere. Da stamattina sono in corso altre 39 perquisizioni in giro per l’Italia, coordinate dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e con la collaborazione delle Digos di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella.

A far partire l’inchiesta, l’anno scorso, era stata la denuncia della Juventus di un ricatto cui era sottoposta dai suoi ultrà. Alla fine del campionato 2017/2018, infatti, la società aveva interrotto alcuni privilegi concessi ai gruppi ultrà scatenando la reazione delle tifoserie che hanno cercato di ripristinare la loro posizione di forza nei confronti della Juventus

VIRGILIO NOTIZIE | 16-09-2019 08:18

arrestati-capi-ultra-juve Fonte foto: Ansa
,,,,,,,