,,

'Santelli non me l'ha mai data' Polemica sulle parole del Cav

Sa indicare cose da fare e persone giuste per metterle in atto

 “Jole Santelli é una signora che conosco da 25 anni. Non me l’ha mai data, però l’ho avuta con me non solo come parlamentare all’interno dei miei gruppi, ma anche come sottosegretario alla Giustizia quando ero Presidente del Consiglio”, ha detto Silvio Berlusconi nel suo comizio a Tropea avendo a fianco la stessa Santelli, candidata del centrodestra alla presidenza della Regione Calabria.
    “Jole – ha aggiunto Berlusconi – ha una capacità straordinaria nell’individuare i problemi e le loro soluzioni. Ma ha anche quella, ed è la cosa più importante, di indicare le cose da farsi e scegliere le persone in grado di metterle in atto”.

  VIDEO

Anche nella tappa successiva a Lamezia Terme, Berlusconi non si risparmia e conferma quanto già detto a Tropea: “In 26 anni non me l’ha mai data. Adesso sarebbe stata perfetta perché, senza voce com’é, non avrebbe potuto andare in giro a raccontarlo”.  

Attaccano le deputate democratiche Debora Serracchiani vice presidente del Pd e Alessia Rotta vice capogruppo alla Camera “C’era bisogno dell’entrata in scena di Silvio Berlusconi per dimostrare una volta di più il vero volto della destra rispetto alle donne: retrogrado e sessista. Quindi Jole Santelli può essere presentata come “quella che non me l’ha mai data”, magari con il sorrisetto sulle labbra. Non è solo volgarità, ma la rivelazione di una concezione maschilista che vede le donne solo come oggetti. Concezione di cui le donne di quello schieramento sono le prime vittime. Del tutto inutile attribuire ruoli e cariche se poi la loro considerazione è così tristemente becera”. 

Dure critiche anche di Camilla Sgambato, della segreteria Pd: “Le parole di Berlusconi nei confronti di Jole Santelli sono squallide e offensive. Sono l’ennesima dimostrazione dell’atteggiamento machista che ha sempre mostrato Berlusconi nei confronti delle donne, con un malinteso senso dell’orgoglio maschile spacciandolo per complice simpatia. La candidata in Calabria dovrebbe essere la prima ad indignarsi a nome di tutte le donne per queste parole sessiste e volgari. Noi mostriamo tutta la solidarietà nei suoi confronti, l’ennesima donna trattata in modo indecente”. 

“Le battute e gli atteggiamenti sessisti di Berlusconi non sono purtroppo una novità – dice Elisa Scutellà, deputata calabrese del MoVimento 5 Stelle– . Ma il silenzio o addirittura la serenità con cui alcune donne si prestano alle sue scenette di livello sempre più basso suscitano sempre nuova tristezza. E profonda tristezza, infatti, suscita il sorriso della candidata per il centrodestra in Calabria, Jole Santelli, mentre il fondatore di Forza Italia la presenta come ‘quella che non me l’ha mai data’. Ma i calabresi che si apprestano a votare i loro rappresentanti nelle istituzioni quanto dovrebbero essere interessati a quest’informazione? E soprattutto: sarebbero pronti ad eleggere persone, siano esse di sesso maschile o femminile, che accettano senza battere ciglio un modo di pensare che degrada la donna? Mi auguro di no: me lo auguro per loro e per l’intera Calabria, che di certo merita una politica di tutt’altro spessore”. 

ANSA | 23-01-2020 19:41

55315dce8232132cca85d27990b9e6fd.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,