,,

Di Maio: 'Grazie Usa, mostrata generosità all'Italia'

Ieri mattina colloquio tra il presidente del Consiglio e il Pontefice nella Biblioteca del Palazzo Apostolico

“Nonostante gli Stati Uniti siano tra i Paesi più colpiti al mondo dal coronavirus, hanno dimostrato grande solidarietà e generosità nei confronti dell’Italia e del nostro popolo”. Lo scrive il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Fb, ricordando che “questa notte il presidente Donald Trump ha annunciato che gli USA invieranno in Italia materiale sanitario per 100 milioni di dollari”.
L’America non riapre, all’Italia 100 milioni in aiuti  – Altro che sorpresa di Pasqua, gli Usa restano “chiusi per virus” almeno sino al 30 aprile. Donald Trump fa una clamorosa marcia indietro annunciando che le misure di ‘social distancing’ resteranno in vigore per un altro mese nel Paese che ora guida la triste classifica mondiale dei contagiati, con oltre 143 mila casi positivi e più di 2500 morti. Intanto il presidente americano spiega come gli Stati Uniti aiuteranno l’Italia con 100 milioni di dollari di materiale sanitario, oltre ai respiratori che gli Usa – ha ricordato – stanno già inviando al nostro Paese come alla Spagna e alla Francia: “Giuseppe era molto contento”, ha affermato Trump riferendosi al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Riaprire gli Stati Uniti per metà aprile “era solo una aspirazione”, si difende quindi il presidente americano, mentre uno studio della Fed di St. Louis prevede che l’emergenza potrebbe costare 47 milioni di posti entro fine giugno e una disoccupazione al 32,1% nel secondo trimestre, superando di gran lunga il picco della Grande Depressione. A farlo tornare suoi suoi passi sono state le proiezioni delle vittime, basate su uno studio dell’Imperial College di Londra: 2,2 milioni in assenza di restrizioni. E il monito di Anthony Fauci, il massimo esperto americano di malattie infettive, secondo cui gli Usa potrebbero avere sino a 200 mila morti e milioni di contagiati. “Se riuscissimo a limitare il numero diciamo a 100.000, che comunque è un numero orribile, si potrebbe dire che si è fatto un buon lavoro”, ha detto il presidente, con una previsione agghiacciante che ha rilanciato il panico tra gli americani. “Allunghiamo le linee guida fino al 30 aprile per rallentare la diffusione. Non c’è nulla di peggio che dichiarare vittoria prima di aver vinto”, ha spiegato il tycoon, prevedendo il picco delle morti tra due settimane, ossia proprio quando voleva far tornare l’America ‘open for business’. “Una mossa saggia e prudente”, ha commentato Fauci, che aveva portato i dati sull’epidemia nello Studio Ovale insieme a Debbie Birx, la coordinatrice della task force Usa contro il coronavirus. Nel suo briefing Trump ha anche risposto a chi gli faceva notare che Russia, Cina e addirittura Cuba stanno aiutando l’Italia, stretto alleato Usa: “Stiamo mandando loro un sacco di varie cose di cui ora non abbiamo bisogno e li stiamo aiutando anche finanziariamente. Stiamo aiutando molto e stiamo lavorando a stretto contatto con l’Italia, ma anche con la Spagna, stiamo lavorando con tutti”, ha assicurato, mentre gli stessi Usa sono costretti ad importare dalla Cina e da altri paesi materiale medico come mascherine, guanti, tamponi, termometri. Interpellati dall’ANSA, la Casa Bianca e il dipartimento di Stato hanno rimandato agli aiuti già noti ricordati dal segretario di stato Mike Pompeo e dal capo del Pentagono Marc Esper, nonché ai fondi stanziati per l’assistenza ai Paesi più colpiti dall’emergenza. Gli americani si preparano intanto ad un altro mese di restrizioni. Le linee guida federali raccomandano che gli assembramenti non superino le 10 persone, che i vecchi e gli individui con problemi di salute stiano a casa e che le persone lavorino da casa se possibile, evitando ristoranti, bar e viaggi non essenziali. Tutte misure che fanno leva sul senso di responsabilità, senza prevedere sanzioni per i trasgressori. Ma ormai i governatori di metà degli Stati americani hanno adottato provvedimenti più vincolanti, spesso a rischio multa. Come ha deciso di fare il sindaco di New York Bill de Blasio, che ha annunciato ammende da 250 a 500 dollari. La Grande Mela resta il focolaio più drammatico, con oltre 33 mila casi e 776 morti, oltre la metà di quelli dello Stato. Oggi è arrivata finalmente la Usn Confort, la nave ospedale militare promessa da Trump, con mille posti letto che saranno riservati ai malati non di coronavirus, per liberare posti negli ospedali cittadini ormai travolti dall’emergenza. Come l’ Elmhurst Hospital nel Queens, dove i cadaveri sono caricati in camion frigorifero a ritmo impressionante. Un dramma che non ferma la polemica politica, con la speaker della Camera Nancy Pelosi che accusa Trump di aver minimizzato a lungo la crisi causando ulteriori morti e il presidente che la definisce una “povera pazza”, “una vergogna per il suo Paese e la sua famiglia”.

ANSA | 31-03-2020 12:26

b3f1506cb913e2c02d1d9882d1aa5820.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,