,,

Coronavirus, è caos cifre Niccolò rientra domani in Italia

Il leader cinese sostituisce i vertici con dei suoi fedelissimi. Dimessi i 20 turisti cinesi dallo Spallanzani, facevano parte della comitiva della coppia risultata positiva

La Cina ‘taglia’ di 108 unità, a quota 1.380, il bilancio complessivo dei morti da coronavirus aggiornato a ieri dopo i controlli effettuati sui dati dell’Hubei che hanno fatto emergere casi di conteggio doppio.  La Commissione sanitaria nazionale, nei suoi aggiornamenti quotidiani, ha anche provveduto a eliminare 1.043 casi dal totale dei contagi accertati a seguito di una non meglio specificata “verifica”.

Un primo gruppo di 11 passeggeri, di 80 anni e oltre, risultati negativi ai test per il Coronavirus, è sbarcato dalla Diamond Princess, la nave da crociera messa in quarantena nella baia di Yokohama in Giappone, per essere trasferiti in alloggi protetti messi a disposizione dal governo. Lo ha confermato un funzionario del governo giapponese precisando che i passeggeri resteranno negli alloggi preposti fino alla fine della quarantena, il 19 febbraio. 

Cresce il bilancio delle vittime del coronavirus: i numeri noti ora parlano di 1.383 morti e oltre 4.800 nuovi contagi nella sola provincia di Hubei. Dopo la rimodulazione dei parametri per definire i contagi, e l’impennata dei dati che ha coinciso con la decapitazione dei vertici del partito di Wuhan, i numeri rientrano nel trend dei giorni scorsi.  

In partenza il volo speciale che riporterà in Italia Niccolò, il 17enne rimasto a Wuhan che per due volte non ha potuto rientrare causa febbre. Il ritorno è previsto per sabato. 

WhatsApp, la popolare piattaforma di messaggistica istantanea di Facebook, è da alcuni giorni bloccata in Cina: a soffrire sono soprattutto gli account legati ai numeri di cellulari locali. Malgrado sia bandita con altre app straniere, come Facebook e Twitter, l’operatività di WhatsApp è stata possibile a volte anche senza l’uso di vpn, le reti virtuali che aggirano il Great Firewall della censura. Internet, in generale, sembra funzionare con difficoltà rispetto al solito sia a Pechino sia in altre grandi città cinesi.

Sono stati dimessi dall’ospedale Spallanzani di Roma i venti turisti cinesi che facevano parte della comitiva della coppia risultata positiva al Coronavirus. Sono stati in quarantena 14 giorni e sono sempre risultati negativi al test. Tra loro anche cinque minori. Prenderanno un volo per la Cina. E sempre allo Spallanzani è stata assunta la ricercatrice precaria Francesca Colavita che era nell’equipe che ha isolato il virus

Anche il Giappone ha annunciato la prima morte nel Paese di una persona contagiata dal nuovo coronavirus.

Nella lotta alla diffusione del coronavirus, la diocesi di Hong Kong ha sospeso le messe pubbliche per due settimane.

Il presidente cinese Xi Jinping ha decapitato i vertici del partito nella provincia epicentro dell’epidemia per sanzionare inefficienze, omissioni e ritardi di fronte all’ epidemia.

“Nella comunità cinese si sta diffondendo il panico. Non per l’epidemia di coronavirus, ma per la sicurezza. Ci sono state aggressioni verso cinesi in Italia, non turisti, ma comunità cinese. Vorrei invitare gli amici italiani a fare attenzione alla sicurezza dei nostri connazionali che vivono e lavorano in Italia, di evitare pregiudizi, distinzioni, aggressioni. Insulti e minacce non sono tollerabili. E’ l’appello che voglio lanciare”. Lo ha detto il dottor Zhang dell’ambasciata cinese che ha accompagnato i 20 turisti dimessi dallo Spallanzani.

L’Italia in pressing sulla commissione europea sull’emergenza coronavirus, con il ministro della Salute Roberto Speranza che al vertice straordinario richiesto per primi dall’Italia invita a non sottovalutare i rischi e sollecita una risposta forte e coordinata, a livello globale. Esprime inoltre preoccupazione per la potenziale diffusione del morbo nel continente africano e sollecita il sostegno dei sistemi sanitari più fragili, anche perché, spiega, “una volta che la diffusione del virus arriva a numeri significativi, la gestione diventa molto complicata” e per questo si deve puntare “sulla prevenzione”.

RELAZIONI DIPLOMATICHE: “L’Italia esprime fiducia e sostegno alla Cina nell’emergenza contro l’epidemia e nell’impegno per assicurare la sicurezza sanitaria internazionale”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella dal Quirinale in occasione dei 50 anni delle relazioni diplomatiche tra la Repubblica popolare cinese e quella italiana. 

“Abbiamo un nemico comune nell’epidemia in corso e come ha scritto il presidente Xi Jinping nel messaggio che mi ha inviato, le difficoltà sono temporanee, le amicizie imperiture” ha aggiunto Mattarella.

Il presidente cinese Xi Jinping infatti si è rivolto al capo dello Stato dicendosi profondamente “commosso” nel constatare come “la vera amicizia si veda nel momento del bisogno”. “In questo momento in cui il popolo cinese sta lottando contro il coronavirus con tutte le sue forze, le parole del suo messaggio sono un segnale della sua fiducia e del suo sostegno nei nostri confronti”, scrive Xi, ricordando poi la visita fatta da Mattarella agli scolari cinesi.

Il 29enne italiano positivo ai test la scorsa settimana resta ricoverato in buone condizioni, soprattutto senza febbre. Ma il lavoro dei medici dell’istituto per le malattie infettive prosegue anche per verificare i sospetti contagi da Coronavirus nel nostro Paese. Si allarga invece il fronte della prevenzione: aumentano gli episodi di ‘auto isolamento’, in particolare quelli messi in atto da cittadini cinesi tornati a fine gennaio dal proprio Paese. E se da una parte si registrano ancora aggressioni nei loro confronti, c’è chi in Sardegna – per contrastare la psicosi – organizza al ristorante cene “per l’amicizia”. Allo Spallanzani di Roma i medici restano impegnati h24 sui pazienti più ‘a rischio’: la coppia di cinesi proveniente dalla città di Wuhan, che ha contratto il virus, è ancora ricoverata in isolamento nella terapia intensiva. Per loro la prognosi rimane riservata. Finora all’ospedale per le malattie infettive sono stati valutati 64 pazienti sottoposti al test. Di questi, 46 sono risultati negativi e quindi dimessi. Oltre ai tre casi confermati, invece, ci sono 14 pazienti sottoposti a test in attesa di risultato.

Sui disagi e le vittime provocate soprattutto in Estremo Oriente dal Coronavirus è intervenuto anche il Papa, che alla fine dell’udienza generale ha rivolto “una preghiera per i nostri fratelli cinesi che soffrono questa malattia così crudele. Che trovino – ha auspicato Francesco – la strada della guarigione il più presto possibile”. In Italia nella comunità cinese, tra le persone appena rientrate dal proprio Paese attraverso gli scali internazionali nonostante il blocco dei voli, c’è chi si tiene in isolamento volontario per i quattordici giorni come da protocollo internazionale.

A Palermo sono 28 i cinesi residenti in città che attualmente si trovano in auto-isolamento per 14 giorni in alcuni appartamenti appositamente affittati. C’è anche chi ha deciso da solo di mettersi in quarantena per proteggere i suoi bambini, gli amici, ma anche dipendenti e clienti del suo ristorante a Roma. Quando Ye è rientrato lo scorso 25 gennaio, dopo aver trascorso un periodo di vacanza nella zona dello Zhejiang, ha affittato una stanza nella zona di Bracciano ed è rimasto lì da solo per due settimane.

“Non sono mai uscito e non ho incontrato nessuno”, dice il ristoratore orientale, che ora è tornato a lavorare nel suo locale. Ma le aggressioni e i gesti di razzismo continuano a spaventare il popolo di Pechino in Italia. L’ultima vicenda a Torino, dove una coppia di cinesi, di 25 e 28 anni, ha denunciato di essere stata aggredita e insultata come “portatrice di Coronavirus”. I due, che lavorano in supermercato, hanno raccontato ai carabinieri di essere stati avvicinati da un paio di sconosciuti, dai quali si sono sentiti dire di “Voi siete il virus, andate via”. E il ventottenne sarebbe anche stato picchiato. “Ci hanno tirato delle bottiglie di vetro e poi sono scappati su un’auto”, hanno raccontato ai militari. A fare da contraltare a questi episodi, ci sono iniziative di impegno per contrastare l’ondata di paura e diffidenza che sta penalizzando le attività commerciali della comunità cinese, come quella nata in Sardegna dall’associazione ‘Cinapiùvicina’, che ha organizzato in un ristorante orientale una “Cena dell’amicizia”, per sottolineare che a far più male in Italia, finora, sono stati i pregiudizi.

La Cina ostenta ottimismo di fronte all’epidemia del coronavirus, confortata da numeri ufficiali che documentano un progressivo calo nel numero quotidiano dei nuovi contagi. Tanto che il presidente cinese Xi Jinping si è spinto a parlare di “un’evoluzione positiva” nella lotta contro la malattia. E anche se l’agenzia di rating S&P Global taglia dello 0,3% le previsioni di crescita del Prodotto interno lordo mondiale nel 2020, i mercati finanziari di tutto il mondo, con le borse in rialzo ovunque, vogliono credere a una fine imminente dell’emergenza. Nonostante l’Oms ammonisca che è ancora “troppo presto” per fare previsioni di questo tipo. Il tasso di guarigione è salito al 10,6% rispetto all’1,3% del 27 gennaio. “Risultati rilevanti”, può dunque esultare Xi, raggiunti a suo parere grazie alle iniziative di prevenzione e di controllo messe in atto dalle autorità cinesi. A confortare l’ottimismo del presidente cinese sono anche le previsioni del consulente medico del governo di Pechino, Zhong Nanshan, secondo cui l’epidemia raggiungerà il suo picco a febbraio e potrebbe concludersi entro aprile.

Leggermente diversa l’analisi del fisico Alessandro Vespignani: per il direttore del Network Science Institute della Northeastern University di Boston, il picco dell’epidemia di Covid-19 potrebbe arrivare a Wuhan a fine febbraio o al più tardi ai primi di marzo. Nel resto della Cina, dove il coronavirus ha cominciato a circolare più tardi, il picco potrebbe arrivare fra aprile e maggio ma potrebbe anche non esserci proprio. Dipenderà dalla capacità delle autorità sanitarie di controllare o meno l’epidemia. C’è tuttavia chi alimenta dubbi sui numeri ufficiali diffusi da Pechino. La Chinese National Health Commission – denuncia il giornalista cinese Alex Lam, le cui tesi sono state rilanciate anche dal virologo italiano Roberto Burioni – il 7 febbraio avrebbe deciso di considerare come casi di coronavirus confermati solo quelli positivi al test e sintomatici e non più anche quelli asintomatici. Una scelta, suffragata da un documento in cinese postato su Twitter dallo stesso giornalista, che avrebbe come effetto quello di abbassare i numeri dell’epidemia.

Tutto questo non sembra impensierire le Borse europee che hanno segnato una giornata record e un altro passo avanti oltre i massimi dove già si trovavano, sulla scia dei segnali positivi registrati dai listini asiatici, tutti in rialzo. Piazza Affari ha chiuso toccando i massimi dal 2008 (+0,7%) ma le migliori performance sono state registrate da Francoforte (+0,89%) e Parigi (+0,81%). L’atteggiamento degli investitori è ritornato in positivo da quando il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell ha dichiarato martedì che la sua valutazione sulle ricadute economiche non è così cupa come si temeva. Tra gli operatori finanziari, c’è poi l’aspettativa che Pechino possa introdurre importanti politiche di stimolo per compensare i risultati economici negativi attesi quest’anno.

La frenata del Pil cinese, alla fine del 2020, potrebbe attestarsi a circa un punto percentuale. Almeno secondo S&PGlobal, che ha abbassato dal 5,7 al 5% le sue previsioni: 1,1% di crescita in meno rispetto all’anno scorso, quando la seconda economia del mondo era progredita del 6,1%. Ma in ogni caso la crisi, segnala l’agenzia di rating, dovrebbe colpire soprattutto l’Asia, mentre il calo globale del Prodotto interno lordo è previsto nell’ordine dello 0,3% e per l’Europa si parla di uno o due decimali di punto in meno alla fine del 2020. Tra le varie conseguenze dell’epidemia l’Opec, il cartello dei Paesi produttori di petrolio, ha tagliato di 440mila barili al giorno la previsione della domanda nel primo trimestre. Una riduzione dovuta all’emergenza che sta abbattendo i consumi di carburanti in Cina, che sull’intero anno potrebbe tradursi in un calo del 19%. Intanto, per paura del virus, è stato cancellato il Mobile World Congress, la principale fiera mondiale della telefonia in programma a Barcellona a fine febbraio, decimata dalle defezioni di importanti aziende. Così come non si correrà il Gp di Formula 1 di Shangai, originariamente in programma il 19 aprile ma ora rinviato a data da destinarsi.

ANSA | 14-02-2020 11:14

26a47087dd69ad7e50d5c2acca9e8315.jpg
,,,,,,,