,,

Piazza Affari chiude in calo Spread oltre 150, poi rallenta

Tokyo si allinea al lunedì nero. Borse cinesi in direzioni diverse, bene Seul, debole Sidney

Peggiorano nel finale le borse europee insieme a Wall Street dopo l’inatteso calo dell’indice della fiducia dei consumatori Usa e dell’indice manifatturiero della Fed di Richmond. Chiusura debole per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,44% a 23.090 punti.

Madrid (-1,9%), Londra (-1,7%), Parigi (-1,65%) e Francoforte (-1,6%). Proseguono gli acquisti sul colosso chimico francese Arkema (+7,2%) che, indicata come preda del fondo Elliot, già titolare di una piccola quota, sta valutando, secondo indiscrezioni, una serie di cessioni in chiave difensiva.

Acquisti anche su Nmc Health (+4,39%), oggetto degli acquisti di Clermont Group, e Tullow (+2,75%), su indiscrezioni di stampa relative a un interesse di Cnooc per alcune attività in Kenia. Sotto pressione Commerzbank (-4,45%), penalizzata dagli analisti e, in Piazza Affari, Banco Bpm (-4%), Intesa (-1,75%) e Unicredit (-1,68%) con lo spread in rialzo a 149 punti.

Mercati azionari asiatici e dell’area del Pacifico in direzioni diverse dopo il ‘lunedì nero’: Tokyo, chiusa per festività alla vigilia, si è allineata agli scivoloni da Coronavirus con un calo superiore ai tre punti percentuali, ma Hong Kong verso la chiusura si muove attorno alla parità e le Borse cinesi segnano un calo dello 0,6% con Shanghai e un rialzo di mezzo punto per il listino di Shenzhen.

 Bene Seul (+1,1% con l’indice generale Kospi, +2,7% con quello ‘tecnologico’ Kosdaq), in calo invece dell’1,6% Sidney.
    
Quotazioni del petrolio in recupero dopo il crollo di ieri per i timori dettati dall’impatto del Coronavirus sulle economie mondiali. Seppure ancora di bassa intonazione il greggio Wti del Texas guadagna 58 centesimi a 52,01 dollari al barile. Il Brent europeo sale di 65 centesimi a 56,96 dollari al barile.

ANSA | 25-02-2020 17:43

5b401b1989f9a2b03103d60e7333a1e3.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,