,,

Azzolina a professori e studenti 'Sono orgogliosa di voi'

Lettera aperta della ministra a tutto il personale della scuola

“Sono orgogliosa di come tutto il mondo della scuola italiana, i suoi docenti, i suoi alunni e tutto il personale, abbia reagito ad un evento di questa portata. Sono orgogliosa di tutti voi e vi ringrazio per aver accompagnato ogni decisione, ogni cambiamento, per quanto repentino, con professionalità e umanità”. Così la ministra dell’istruzione Lucia Azzolina in una lettera aperta alla comunità scolastica. 

“In questi giorni faticosi penso spesso al suono della campanella – h ascritto la ministra -. Quel suono a volte fastidioso, ma sempre emozionante, che fino a due anni fa ogni mattina rappresentava per me il vero inizio della giornata: salutare le colleghe e i colleghi insegnanti, il mio dirigente scolastico, il personale ATA, incontrare le studentesse e gli studenti, e quell’aula vuota che in pochi secondi si riempiva di vita, risate, rumore, sguardi assonnati. Penso a quanto possa mancare ora a tutti noi quella campanella. E mi chiedo: se fossi stata a scuola da docente o da dirigente scolastico, cosa avrei fatto io davanti a quest’emergenza che ha sconvolto le abitudini di tutti noi? Mi chiedo che cosa avrei fatto davanti ai volti smarriti degli alunni, alle notizie atroci di studenti che perdono i loro affetti più cari senza nemmeno poterli salutare, a bimbi che non capiscono il perché di tutto ciò, come del resto gli adulti”. 

Chi rimandato recupererà. A breve novità sulla maturità
A scuola non si tornerà i primi giorni di aprile, ha annunciato la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. “Sicuramente ci sarà una proroga: si andrà oltre la data del 3 aprile, l’obiettivo è garantire che gli studenti ritornino a scuola quando sarà stra-certo e stra-sicuro che possono tornare: la salute è prioritaria”, ha scandito. E smentendo voci che si rincorrevano da giorni, ha ribadito quello che lei stessa aveva già detto: non ci saranno prolungamenti dell’anno scolastico. “Notizie sulla didattica a luglio o ad agosto non hanno alcun fondamento, significherebbe dire che il personale della scuola non sta lavorando e non è così. Se la didattica a distanza funziona, come sta funzionando, non c’è alcun motivo per andare a luglio o agosto: le strutture scolastiche non sono idonee, tra l’altro. Se ci sarà necessità lo si farà in un secondo momento. Scenari che vanno troppo oltre sono irresponsabili, bisogna guardare quelli del momento e poi assumere le decisioni”. Alle tante domande che arrivano dagli studenti sull’esame di maturità non ha fornito altre risposte. Ieri in Senato aveva annunciato che le commissioni saranno composte solo da membri interni – 6 – più un presidente esterno. Ha assicurato che nel giro di pochi giorni “daremo tutte le altre informazioni in merito agli esami di Stato e di terza media”.

E d’altra parte, ha aggiunto, “il percorso di uno studente è lungo, se parliamo dei maturandi è iniziato 5 anni fa, gli apprendimenti dei loro allievi i docenti sanno valutarli”. Sull’ammissione con il 5, ha smentito nuovamente voci circolate in proposito: “Io – ha chiarito – non ho mai detto nulla del genere. I nostri insegnanti stanno lavorando tantissimo, in una situazione complessa anche perchè la rete non funziona bene e c’è il problema del digital divide; se abbiamo tantissima parte di scuola che sta lavorando come si deve, non ho motivo di dire se ci sarà il 5 o il 6: le valutazioni le fa il personale docente in piena autonomia”. A chi dovrebbe essere rimandato, “si permetterà di recuperare gli apprendimenti, laddove fosse necessario. Sono decisioni che stiamo vagliando sulla base di quando e se si tornerà a scuola”. La ministra ha avuto parole di elogio per i docenti “stanno facendo un lavoro titanico”, ed ha ribadito che la didattica a distanza “non è solo trasmettere conoscenze, gli insegnanti sono punti di riferimento eccezionali, soprattutto in territori come in Lombardia, nel Veneto, in Emilia Romagna, gli insegnanti stanno vicini agli studenti dando loro conforto. La scuola è un presidio dello Stato, rappresenta in molti momenti la parte più sana della giornata di un ragazzo. I ragazzi riacquistano il sorriso, la didattica a distanza rappresenta per ora soprattutto questo”. Intanto la viceministra dell’Istruzione Anna Ascani ha annunciato che sono in arrivo 200 milioni per permettere a tutte le scuole del Paese di navigare gratuitamente in banda ultra larga. Critica con la ministra la Flc Cgil.

“Nessuna data certa sul calendario scolastico, nessuna proposta di organizzazione dei tempi di vita e di studio degli studenti, soprattutto di quelli che devono affrontare gli esami di Stato, niente su come si pensa di organizzare il nuovo anno, né su organici, reclutamento e mobilità”, ha accusato Francesco Sinopoli, Segretario generale della FLC Cgil. Maddalena Gissi, leader della Cisl scuola ha invitato ad “aprire al dialogo: dobbiamo pensare all’avvio del prossimo anno e molti adempimenti amministrativi di oggi rischiano di creare confusione ed incertezze”. Anche Pino Turi della Uil ha chiesto un Piano condiviso con tutti i soggetti politici e sociali “per chiudere l’anno senza che nessuno debba averne danno e aprire il nuovo, evitando conseguenze”.

ANSA | 28-03-2020 11:54

9e3e924e0acec3bd77e2678d44737870.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,