,,

Conferenza stampa di Conte

IL VIDEO

la diretta

Altri 200 milioni ai Comuni, una nuova quota di Reddito di emergenza, norme su Air Italy e il rifinanziamento di strade sicure fino a fine emergenza. Sono alcune delle novità della nuova bozza di decreto agosto, che vede salire da 91 a 103 gli articoli, rispetto alle prime versioni del testo. Nella bozza viene recepita l’intesa sulla proroga del blocco dei licenziamenti siglata ieri nel governo ma alcune norme sono ancora da completare, per altre compaiono solo i titoli. Il Consiglio dei ministri per il varo del testo, ipotizzato alle 13, non è ancora convocato.

Altri 400 euro di reddito di emergenza per le famiglie più in difficoltà. Nella bozza, ancora suscettibile di modifiche, compare la misura, per la quale si potrà fare richiesta entro il 15 ottobre. I beneficiari riceveranno un assegno di 400 euro: si tratterebbe della terza tranche dopo le due disposte dal decreto rilancio di 400 euro ciascuna.

Tasse sospese si pagano in 2 anni –  Le tasse sospese nei mesi del lockdown non andranno più saldate entro la fine dell’anno ma in due anni, con 24 rate mensili. La nuova bozza non sposta il primo appuntamento col fisco previsto per il 16 settembre. Le rate però saranno molto più leggere perché da 4 diventano 24. A essere diluiti sono i versamenti di tasse, contributi e ritenute previsti per marzo, aprile e maggio.

Tasse novembre ad aprile con perdite 33%  – Gli acconti delle tasse previsti a novembre slitteranno ad aprile per gli autonomi che abbiano registrato perdite di “almeno il 33%” nel primo semestre di quest’anno. Lo prevede una bozza aggiornata del decreto agosto atteso sul tavolo del Consiglio dei ministri. Lo slittamento interesserà i soggetti Isa e gli autonomi in regime forfettario.

3 mesi di sgravi per stagionali turismo e terme  – Arrivano sgravi contributivi ad hoc per il turismo. Secondo la bozza, si estende l’esonero dal versamento dei contributi – ma per massimo 3 mesi – anche alle “assunzioni a tempo determinato o con contratto di lavoro stagionale nei settori del turismo e degli stabilimenti termali”. In caso di trasformazione a tempo indeterminato si applica la decontribuzione prevista per le altre aziende, cioè uno sgravio totale per 6 mesi (escluso il contributi Inail) fino a un massimo di 8.060 euro annui riparametrato su base mensile. 

Spunta fondo per formazione casalinghe – Arriva un Fondo per la formazione delle casalinghe da 3 milioni l’anno a partire dal 2020. E’ una novità che compare in una bozza aggiornata a questo pomeriggio, ma ancora suscettibile di modifiche, del decreto agosto. Il fondo viene istituito presso il ministero dell’Economia: è “finalizzato alla formazione e ad incrementare le opportunità culturali e l’inclusione sociale, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, delle donne che svolgono attività prestate nell’ambito domestico, senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito, finalizzate alla cura delle persone e dell’ambiente domestico, iscritte all’Assicurazione obbligatoria” per il lavoro svolto in ambito domestico. I criteri e le modalità di riparto del fondo, precisa il testo, saranno definite con un decreto del ministro per le pari opportunità e la famiglia da emanarsi entro il 31 dicembre 2020.

Raddoppia quota esentasse welfare aziendale – Raddoppia la quota di welfare aziendale esentasse. Lo prevede una nuova bozza del decreto agosto, atteso a breve sul tavolo del Consiglio dei ministri. Per l’anno d’imposta 2020 “la quota di beni e servizi ceduti dall’azienda” ai dipendenti che non concorre alla formazione del reddito passa quindi a “516,46” euro.

Arriva sanatoria concessioni spiagge – Arriva una norma ‘salva-pertinenziali’, che rivede i criteri di calcolo dei canoni per i concessionari delle spiagge e riapre i termini per risolvere il contenzioso sull’applicazione dei valori Omi (l’Osservatorioimmobiliare dell’Agenzia delle Entrate), iniziata nel 2007 facendo schizzare alle stelle il dovuto, e già oggetto di una sanatoria nel 2013. E’ quanto si legge in una bozza del dl agosto. E’ quanto si legge in una bozza del dl agosto. La misura prevede che per “ridurre il contenzioso relativo alle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative” si possa versare il 30% dell’importo dovuto in un’unica soluzione o il 60% a rate, per un massimo di 6 anni. Dal 2021 poi novità per tutti: il canone minimo per le concessioni passerà a 369 euro a 2.500 euro, interessando circa 21mila su 29mila concessioni che attualmente devono meno di questa cifra.

ANSA | 07-08-2020 22:35

Tasse sospese nel lockdown  rateizzate in due anni
,,,,,,,