,,

Ungheria e Polonia rifiutano ancora "relocation" rifugiati

Commissione: "Non esiteremo ad aprire procedure di infrazione"

Bruxelles, 12 apr. (askanews) – Ungheria e Polonia “continuano a rifiutarsi del tutto di partecipare al sistema dei ricollocamenti” dei richiedenti asilo giunti in Italia e Grecia, mentre Bulgaria, Croazia e Slovacchia lo stanno facendo “su basi molto limitate”; l’Austria, invece, che finora non aveva partecipato al sistema, “ha annunciato che comincerà presto a effettuare i ricollocamenti” per rispettare le propria quota. Lo afferma la Commissione europea nel suo nuovo rapporto di attuazione dei ricollocamenti (“relocation”), pubblicato oggi a Bruxelles.

Finora, afferma la Commissione, solo Malta e Finlandia stanno rispettando la tabella di marcia delle “relocation”, per accogliere i richiedenti asilo della propria quota entro i tempi previsti, mentre Lussemburgo e Portogallo hanno fatto buoni progressi.

La Commissione insiste, come aveva già fatto nell’ultimo rapporto il mese scorso, che “non esisterà a usare i propri poteri, che le sono conferiti dal Trattato Ue”, per costringere a mettersi in regola gli Stati membri che non rispettano l’obbligo di effettuare i ricollocamenti secondo le quote loro assegnate.

L’Esecutivo comunitario sottolinea anche che quest’obbligo non termina a settembre, alla scadenza del periodo di due anni a cui si riferiscono le “relocation”.

ASKANEWS | 12-04-2017 13:13

20170412_131303_349BB727.jpg

TAG:

,,,,,,,