,,

Sara strangolata e data alle fiamme, condannato all'ergastolo l'ex Paduano

La ragazza uccisa lo scorso 29 maggio

Roma, 5 mag. (askanews) – Vincenzo Paduano è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio della sua ex fidanzata, Sara Di Pietrantonio, la ragazza strangolata e data alle fiamme nella notte del 29 maggio scorso a Roma, in zona Magliana. La sentenza è stata emessa dal giudice del tribunale di Roma, Gaspare Sturzo. La decisione è arrivata all’esito del rito abbreviato.

Il giudice Sturzo nei confronti di Paduano ha concesso la eliminazione dell’isolamento diurno. In forza del rito abbreviato. La spiegazione è arrivata dal pm Maria Gabriella Fazi. “Sono state accolte tutte le ragioni dell’accusa”, ha detto il magistrato.

Una sentenza giusta come quella di oggi è un segnale di condanna sociale e di contrasto alla cultura del possesso e del controllo che alimenta la violenza maschile contro le donne fino all’uccisione”. Lo ha detto Teresa Manente dell’associazione ‘Differenza donna’ dopo la condanna all’ergastolo per Vincenzo Paduano per l’omicidio della sua ex fidanzata. “E’ solo un cambiamento culturale, infatti, quello che potrà arrestare la conta incessante e intollerabile di donne uccise per la propria libertà”, ha continuato la penalista.

“E’ una sentenza giusta e morale, un primo gradino importante. Ho vissuto in apnea per circa un anno. Adesso arriva una boccata d’aria fresca, ma tornerò subito a soffrire perché Sara non me la ridarà nessuno”. Così ha detto la signora Concetta, la mamma di Sara Di Pietrantonio, ha commentato la condanna all’ergastolo dell’ex fidanzato della giovane.

ASKANEWS | 05-05-2017 18:56

20170505_185613_4F1798FF.jpg

TAG:

,,,,,,,