,,

Russia, una città "chiusa" apre a torneo artico con Usa

Il curling come disciplina del dialogo

Norilsk (Russia), 20 mag. (askanews) – È la sfida artica tra Russia e Usa più pacifica che ci sia. Ed anche il primo torneo sportivo di alto livello che si tiene nella distretto polare russo Tamyr Dolgano-Nenets. Passa dalle terre polari russe la Arctic Cup 2017 di curling, disciplina olimpica a squadre molto antica, giocata sul ghiaccio. E l’evento che si tiene in una zona “chiusa” della Russia è seguito sul posto da Askanews.

“Per la prima volta un torneo a questo livello si svolge nella nostra regione “, afferma Viktor Tolokonsky, governatore della regione di Krasnoyarsk. “Il curling sta conquistando nuove zone e sta allargando il suo territorio ” gli fa eco Sergey Tkachenkov, a capo del distretto del Tamyr.

Particolare è anche il ventaglio di nazionalità rappresentate: Svezia, Usa, Canada, Svizzera, Finlandia e naturalmente Russia.

Ma è anche il posto scelto per accoglierlo: Dudinka, in mezzo alla Tundra ma soprattutto accanto alla città di Norilsk, cuore metallurgico della Federazione chiusa agli stranieri.

Qua il Permafrost ricorda l’Era glaciale, mentre lo sport permette un disgelo che ancora la politica internazionale non sembra voler concedere. E nonostante le tensioni tra Washington e Mosca e nonostante le polemiche del Russiagate che divampano sulla stampa internazionale, il curling offre una sfida senza colpi bassi.

ASKANEWS | 20-05-2017 09:53

20170520_095309_CF814E70.jpg

TAG:

,,,,,,,