,,

Pechino sfida Wikipedia: grande enciclopedia cinese online nel 2018

La Cina vuole softpower e fonti alternative per i suoi internauti

Pechino, 3 mag. (askanews) – La Cina si appresta a pubblicare online una sua grande enciclopedia online, che dovrebbe essere consultabile già l’anno prossimo, con il dichiarato obiettivo di offrire agli internauti cinesi una “Grande Muraglia culturale” che sia alternativa alle informazioni che possono trovare oggi con più facilità assemblate da siti stranieri, a cominciare da Wikipedia.

Il progetto, che viene sviluppato con la guida del colosso editoriale statale China Publishing Group “deve avere caratteristiche cinesi”, ha dichiarato il direttore editoriale Yang Muzhi e deve rappresentare “un simbolo dello sviluppo culturale e tecnologico del Paese”, uno strumento per aumentare il softpower cinese e quindi la sua influenza internazionale.

Ma se Wikipedia e il suo più o meno equivalente cinese Baidu Baike sono compilati da volontari, con costanti revisioni, la nuova enciclopedia on line sarà scritta interamente da professionisti. Sino ad oggi, 20mila studiosi e accademici sono stati messi in lista per realizzare l’opera, che punta ad avere 300mila voci on line entro il 2018.

La nuova enciclopedia sarà basata su una precedente versione stampata, pubblicata nel 1993. Una seconda edizione, a cui si può accedere tramite un terminal, risale al 2009. La “Grande Muraglia” enciclopedica sarà invece prima pubblicata online, poi stampata.

ASKANEWS | 03-05-2017 11:02

20170503_110211_5EE48B77.jpg

TAG:

,,,,,,,