,,

Ong-Migranti, il Csm aprirà un'istruttoria sul caso Zuccaro

Decisione presa dal Comitato di presidenza

Roma, 3 mag. (askanews) – Il Consiglio superiore della magistratura aprirà un’istruttoria sul caso Zuccaro-Ong, anche con acquisizione di atti e documenti e con audizioni, ma non verrà avviata una pratica per valutare se esistano presupposti per un trasferimento d’ufficio per incompatibilità, ex art 2.

Dovrebbe essere questo l’orientamento del Comitato di Presidenza di Palazzo dei Marescialli che si è riunito questo pomeriggio per valutare le dichiarazioni del procuratore capo di Catania, Carmelo Zuccaro, sui presunti rapporti tra alcune Ong e i trafficanti di esseri umani, secondo quanto si apprende.

La richiesta di pratica a tutela del procuratore, presentata dal consigliere laico Pierantonio Zanettin, verrà trasmessa in prima commissione per le valutazioni del caso.

Intanto oggi, nel corso di un’audizione in Commissione Difesa al Senato, Zuccaro ha spiegato che le notizie su “contatti” radio tra presunti trafficanti di migranti e Ong sono arrivati alla Procura di Catania “da Frontex (l’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, ndr), dalla Marina Militare, in particolare dalla missione Eunavformed e dalla Guardia Costiera”.

“Non ho chiesto dati ai servizi di intelligence – ha precisato – perchè non potrei utilizzarli processualmente. Dispongo di quello che mi arriva da Frontex, dalla Marina Militare, in particolare dalla missione Eunavformed e dalla Guardia Costiera. Con Frontex, che ha un ufficio periferico anche a Catania, abbiamo uno splendido contatto. Il focus della nostra attività – ha precisato il pm – non sono le Ong, ma i trafficanti di esseri umani, chi specula anche in Italia sui centri di accoglienza e sulle risorse economiche collegate”.

Secondo il procuratore “c’è un’impossibilità di ospitare in Italia tutti i migranti, compresi quelli economici: per le Ong questo non è un discrimine, ma per uno Stato la differenza è rilevante, perchè il controllo dei flussi migratori non può che competere agli Stati”.

Quanto al fatto che le sue dichiarazioni siano finite all’attenzione del Consiglio superiore della Magistratura, Zuccaro ha concluso: “Auspico che il Csm mi metta nelle condizioni di lavorare nel miglior modo possibile”.

ASKANEWS | 03-05-2017 21:27

20170503_212745_4ED4EF39.jpg

TAG:

,,,,,,,