,,

Oggi il "B" day: scatta la Brexit, May ha firmato notifica a Ue

Quello che accadrà dopo la consegna a Tusk delle lettera della May

Bruxelles, 29 mar (askanews) – Brexit ai blocchi di partenza: con la firma, apposta già ieri sera, della premier Theresa May alla lettera di notifica dell’Articolo 50 del Trattato di Lisbona, entra nel vivo il procedimento per il distacco della Gran Bretagna dall’Ue. La leader britannica presenterà alle 8 (le 9 a Bruxelles) il contenuto della missiva al suo gabinetto. E l’ora “B”, il primo colpo di cannone, arriverà alle ore 13.30, quando la versione cartacea della missiva, con la firma originale, sarà personalmente consegnata dall’ambasciatore del Regno Unito presso l’Ue, Sir Tim Barrow, al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk. Scatterà così l’avvio della Brexit, il processo di divorzio della Gran Bretagna dall’Ue, anche se i negoziati veri e propri dovrebbero cominciare solo a giugno.

Tusk dopo aver ricevuto la notifica, farà probabilmente una breve dichiarazione, e comunque è atteso un suo comunicato congiunto firmato anche dal presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, con le prime reazioni di circostanza dei vertici dell’Ue: rincrescimento per la decisione dei britannici, assicurazioni sul fatto che il negoziato per il divorzio si svolgeranno in buona fede, e sulle intenzioni non punitive dell’Ue nei riguardi di Londra, con l’obiettivo di restare comunque in buoni rapporti.

Nel frattempo, a Londra, la May affronterà le domande dei parlamentari sul contenuto della lettera. Tusk ha promesso che la sua prima risposta dell’Ue si avrà entro 48 ore, con l’invio nelle capitali dei Ventisette della bozza delle linee guida dei negoziati con Londra.

Le linee guida saranno poi approvate per consenso (cioè all’unanimità) dai Ventisette al vertice convocato da Tusk a Bruxelles il 29 aprile. Pochi giorni dopo, il 3 maggio, la Commissione approverà, sulla base delle linee guida, la sua proposta di mandato negoziale, che i ministri degli Affari europei dei Ventisette dovrebbero adottare, a maggioranza qualificata, entro al fine di maggio. Il mandato sarà quindi affidato alla Commissione stessa, e in particolare al capo della squadra negoziale, il francese Michel Barnier, ex ministro ed ex commissario Ue.

I negoziati veri e propri cominceranno quindi in giugno, e comunque all’inizio dell’estate. Dovrebbero durare al massimo due anni, secondo il Trattato, ma la bozza di accordo finale dovrebbe essere pronta già entro la fine del 2018, per permettere le ratifiche ai parlamenti del Regno Unito, dei Ventisette e al Parlamento europeo. Nel frattempo, il Regno Unito resterà membro dell’Ue, fino alla scadenza dei due anni se i negoziati e l’accordo finale non saranno conclusi prima.

C’è anche la possibilità che i negoziati siano più difficili del previsto, e che i Ventisette decidano, all’unanimità, di prorogare il termine di due anni (che cadrebbe il 28 marzo 2019).

Ma l’ipotesi più probabile è che le parti decidano di negoziare un accordo provvisorio, a partire dalla scadenza dei due anni, riguardante almeno i settori più problematici, con periodi temporanei e “phasing out” che potrebbero essere lunghi anche diversi anni, in cui comunque il Regno Unito non sarebbe più pienamente membro dell’Unione.

Proprio ieri Theresa May ha ricordato che non ci sono da negoziare solo le questioni commerciali, l’accesso ai mercati o la libera circolazione delle persone, ma anche, ad esempio, gli accordi di cooperazione riguardo alla sicurezza e agli affari interni e di giustizia (come il mandato d’arresto europeo, o l’accesso a Europol).

ASKANEWS | 29-03-2017 10:07

20170329_100721_148D6389.jpg

TAG:

,,,,,,,