,,

Mattarella ricorda Ustica: "Le istituzioni cerchino la verità"

"Servono altri passi in collaborazione con Paesi amici"

Roma, 27 giu. (askanews) – “La data del 27 giugno, ricorrenza della strage di Ustica, resta impressa nella coscienza del Paese come un evento tragico e come una ferita sempre aperta, per le vite spezzate, per le indicibili sofferenze dei familiari, e per il vulnus alla sensibilità civile e democratica del nostro popolo”. E’ quanto scrive il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio.

“In questa giornata esprimo la partecipazione della Repubblica al comune dolore e la vicinanza nel costante impegno affinché siano compiutamente accertate le responsabilità e vengano ricostruite in modo univoco le circostanze e il contesto che provocarono così tante morti innocenti – sottolinea -. Alla domanda di giustizia le istituzioni hanno il dovere di dare risposta, percorrendo fino in fondo la strada della verità e facendo onore alla professionalità e alla dedizione di uomini dello Stato che sono riusciti ad aprire questo cammino superando ostacoli e difficoltà”. “Altri passi potranno essere compiuti, nella auspicabile collaborazione con istituzioni di paesi amici, affinchè la memoria di quanto avvenuto nel cielo di Ustica rafforzi la solidarietà e la speranza di quanti operano per il trionfo delle ragioni dello stato di diritto”, conclude il Capo dello Stato.

ASKANEWS | 27-06-2017 10:23

20170627_102341_494A9B9A.jpg

TAG:

,,,,,,,