,,

La storia dell'attentato a Manchester preannunciato su Twitter

Quattro ore prima

Roma, 23 mag. (askanews) – L’ipotesi: la strage di ieri sera al concerto di Ariana Grande a Manchester era stata “prevista” su un account Twitter ispirato all’Isis, sospeso dopo l’attentato insieme a quelli di decine di altri sostenitori dello Stato islamico che hanno inneggiato al massacro. Non è chiaro tuttavia se il messaggio fosse davvero legato all’attacco terroristico o avesse l’obiettivo di seminare il panico e casualmente contenesse la parola Manchester nel tweet.

A scatenare le ipotesi due tweet inviati qualche ora prima dell’attentato. L’utente @owys663 ha twittato circa quattro ore prima dell’esplosione in un inglese sgrammaticato: “Hai dimenticato la nostra minaccia? Questo è il terrore giusto”, con l’hashtag #Manchester e #islamicstate. Un secondo tweet recita “Abbiamo di più”.

Twitter in nottata ha sospeso decine di account, ma i sostenitori e i propagandisti dell’Isis hanno festeggiato su Telegram e su altri sistemi di messaggistica online. Un utente di Twitter, Abdul Haqq, ha scritto: “Sembra che le bombe dell’aeronautica britannica sui bambini di Mosul a Raqqa siano tornate a #Manchester”. Altri incoraggiano i cosiddetti “lupi solitari” a colpire e pubblicano video che minacciano gli Usa e l’Occidente. Circola un video di un uomo che dice che questo “è solo l’inizio” e mostra un pezzo di carta con Manchester e una data.

ASKANEWS | 23-05-2017 14:12

20170523_141213_45627D35.jpg

TAG:

,,,,,,,