,,

Incendio a Pomezia, l'Arpa tranquillizza: l'aria è a posto

Dai dati della stazione di monitoraggio no superamenti limiti qualità aria

Roma, 6 mag. (askanews) – “Dall’analisi dei dati non emergono superamenti dei limiti imposti per la qualità dell’aria ambiente dalla normativa vigente”. Lo riferisce l’Arpa Lazio in riferimento all’incendio sviluppatosi nella mattinata di ieri presso l’impianto di trattamento rifiuti della Eco X nel comune di Pomezia al km 33 della Pontina Vecchia.

“Durante le operazioni di validazione dei dati della rete di monitoraggio della qualità dell’aria – precisa una nota – sono state analizzate con particolare attenzione le concentrazioni misurate presso le stazioni Ciampino, Cinecittà e Fermi, più prossime al sito interessato all’incendio anche in considerazione della direzione dei venti prevalenti nella giornata. Oltre a queste stazioni sono stati considerati anche i dati rilevati dal mezzo mobile, posizionato nel centro abitato di Albano Laziale.

Dall’analisi dei dati non emergono superamenti dei limiti imposti per la qualità dell’aria ambiente dalla normativa vigente. Sono inoltre stati analizzati i dati di concentrazione media oraria rilevati dalle medesime postazioni di misura. Anche quest’ultimi non hanno evidenziato picchi di concentrazione di ossidi di azoto (NOx), di polveri e di benzene. I dati sono in linea con quelli misurati nelle giornate precedenti a quella dell’incendio e coerenti con quelli misurati normalmente in questo periodo dell’anno”.

Intanto le fiamme sotto controllo. Dalle otto di stamane i vigili del fuoco di Roma sul posto dell’incendio stanno operando con tre squadre tre autobotti una chilolirica due automezzi aeroportuali e due carri e un luf da schiuma.

“Siamo all’interno del deposito per smassamento e raffreddamento – spiegano in una nota – . Al momento si confermano nessun ferito o intossicati da fumo. Le fiamme sono molto basse ma c’è ancora molto fumo. Al momento non ci sono altre criticità”.

E mentre la Procura di Velletri indaga per incendio colposo, il sindaco Raggi ha raccomandato a 21 comuni limitrofi all’area del rogo – soprattutto nell’area dei Castelli romani ma anche sul litorale – di mantenere le finestre ben chiuse e limitare gli spostamenti.

I cittadini da tempo avevano segnalato situazioni anomale nello stabilimento, con l’accumulo di materiali che provocavano anche miasmi e il comitato di quartiere aveva inviato una lettera al sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, invitandolo a intervenire.

ASKANEWS | 06-05-2017 13:39

20170506_133909_0B13E65E.jpg

TAG:

,,,,,,,